Fandom

Assassin's Creed Wiki

Assassin's Creed III: Liberation

2 664pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Discussione0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Eraicon - Mondo reale.pngEraicon - Liberation.png

"Cerco la libertà e l'autonomia, non per me, ma per coloro ai quali questi diritti fondamentali sono negati. Io sono il loro scudo, la loro spada, la loro unica speranza. Le strade che percorro sono oscure, ma mi portano più vicino alla luce. Mi muovo non vista e colpisco quando meno se lo aspettano. Sono Aveline de Grandpré. Io sono un'Assassina."
―Aveline de Grandpré

Assassin's Creed III: Liberation è un videogioco sviluppato da Ubisoft Sofia e pubblicato da Ubisoft. Spin-off della serie di Assassin's Creed, il gioco racconta la storia di Aveline de Grandpré in un periodo compreso tra il 1765 ed il 1780, nel periodo della ribellione creola nella colonia nord americana della Louisiana.

Assassin's Creed III: Liberation è stato rilasciato per PlayStation Vita in concomitanza con Assassin's Creed III il 30 ottobre 2012 in Nord America ed il 31 ottobre 2012 in Europa. Una versione rimasterizzata in alta definizione del titolo chiamata Assassin's Creed: Liberation HD è stata rilasciata per PlayStation 3 il 14 gennaio 2014 e per Xbox 360 e PC il 15 gennaio 2014.

Gameplay

Sfruttando lo stesso motore di gioco di Assassin's Creed III, il gameplay di Assassin's Creed III: Liberation è simile in termini di navigazione, esplorazione e combattimento a quello del titolo della serie principale a cui è associato. Molte delle novità introdotte in Assassin's Creed III, come il doppio contrattacco, le uccisioni concatenate e la possibilità di effettuare la corsa acrobatica sugli alberi, sono quindi presenti anche in Assassin's Creed III: Liberation.

Oltre ad alcune armi utilizzabili già in titoli della serie precedenti, come l'iconica lama celata, bombe e varie armi da fuoco, la protagonista del gioco ha a disposizione armi inedite, come la cerbottana, la frusta ed il machete.

In Assassin's Creed III: Liberation è presente uno speciale gameplay dedicato al travestimento; infatti, la protagonista ha la possibilità di scegliere tra tre diversi abiti da indossare, ognuno dei quali porta con sé vantaggi e svantaggi. Se l'abito da Assassina permette ad Aveline di muoversi e combattere con agilità, la rende tuttavia nota ai soldati; l'identità da schiava le permette di passare inosservata tra le masse povere di New Orleans, ma il suo equipaggiamento in queste condizioni è limitato; grazie all'abito da signora, invece, Aveline è in grado di sedurre e corrompere per ottenere ciò che vuole, a scapito di una minore agilità.

Il titolo sfrutta le funzionalità touch screen offerte dalla PlayStation Vita. Durante i combattimenti, il giocatore, dopo aver eseguito un certo numero di attacchi, ha la possibilità di concatenare delle uccisioni selezionando i nemici da colpire consecutivamente attraverso il touch screen della console, scegliendo con quale arma farlo. Inoltre, utilizzando la medesima funziona della PlayStation Vita, è possibile compiere altre azioni, come remare la canoa di Aveline.

Trama

Assassin's Creed III: Liberation è un titolo videoludico sviluppato dalla Abstergo Entertainment e distribuito dalle Abstergo Industries. Sfruttando la versione console dell'Animus, il titolo è in grado di far rivivere al giocatore i ricordi genetici di Aveline de Grandpré, un'Assassina vissuta in Louisiana nel XVIII secolo.

Per il bene della colonia 5.png

Gli ultimi momenti del governatore francese d'Abbadie.

Dopo la sconfitta nella guerra franco-indiana, la Francia è costretta ad abbandonare tutti i suoi possedimenti in Nord America e la colonia della Louisiana viene ceduta alla Spagna. Contrari alla nuova occupazione, i cittadini della colonia, in particolare quelli presenti nella capitale di New Orleans, iniziano a mostrare il loro dissenso. Tuttavia, nel 1765, il governatore francese uscente, Jean-Jacques Blaise d'Abbadie, stringe un accordo con Rafael Joaquín de Ferrer grazie alla quale può continuare a ricoprire la sua carica grazie all'influenza dell'Ordine dei Templari, di cui de Ferrer è un membro. Seguendo la pista di un commercio di schiavi inviati in Messico per un'operazione segreta, Aveline de Grandpré scopre dell'accordo tra i due. Così, si introduce nella magione di d'Abbadie e lo assassina.

In seguito alla morte del governatore, de Ferrer decide di iniziare a stringere degli accordi con un uomo di nome Baptiste. L'uomo, che ha intenzione di abbandonare definitivamente l'Ordine degli Assassini di cui un tempo faceva parte, finge di essere il suo stesso defunto Mentore François Mackandal in modo da attirare dei sostenitori che lo aiutino nel suo piano. Baptiste progetta di avvelenare i nobili di New Orleans con il fine di ottenere il controllo del contrabbando all'interno del Bayou, così da far uscire dal suo nascondiglio nella palude Agaté, Assassino e Mentore di Aveline, ed assassinarlo. In questo modo, può ottenere la fiducia dell'Ordine dei Templari ed entrare nelle loro cerchie. Tuttavia, Aveline, grazie all'aiuto di alcuni contrabbandieri non fedeli a Baptiste, riesce a rintracciare lui ed i suoi seguaci e ad assassinarlo.

Preludio alla ribellione 3.png

Aveline parla con i cittadini di New Orleans in rivolta.

Lo stesso anno, il Templare Antonio de Ulloa si stabilisce a New Orleans in qualità di primo governatore spagnolo della Louisiana. Due anni dopo, nel 1768, impone pesanti leggi restrittive sul commercio della colonia con lo scopo di portare benefici all'Ordine Templare. Tuttavia, il comportamento del governatore porta alla ribellione dei francesi creoli, che lo obbligano a lasciare la città.

A causa del coinvolgimento del governatore in un misterioso traffico di schiavi verso il Messico, Agaté ordina ad Aveline di assassinarlo. Così, la donna tende una trappola al governatore, che le rivela che gli schiavi scomparsi da New Orleans sono stati tutti portati a Chichen Itza, in un campo di lavoro. Tuttavia, contro il volere del suo Mentore, Aveline risparmia la vita a de Ulloa, in cambio della mappa in grado di condurla al luogo dove sono stati portati gli schiavi e di una speciale lente in grado di decifrare i documenti dei Templari. Nonostante le scoperte, Agaté perde fiducia nella sua allieva, colpevole di aver disubbidito ad un suo preciso ordine.

Contro il volere del suo Mentore, Aveline parte per Chichen Itza, confondendosi tra gli schiavi condotti al campo di lavoro dei Templari. Lì, la donna viene a sapere da uno schiavo che una donna di nome Jeanne si trova al campo. Credendo che la donna sia la madre scomparsa quando era piccola, Aveline si mette alla sua ricerca. Aveline trova una pagina del diario della madre ed una mappa in grado di condurre ad un manufatto nascosto in un cenote. Dopo aver esplorato le grotte indicate dalla mappa, l'Assassina si ritrova in un sito costruito dai membri della Prima Civilizzazione. Inoltre, seguendo la mappa, trova uno dei manufatti noti come Frutti dell'Eden, il Disco della Profezia.

Il segreto del cenote 5.png

Aveline assassina de Ferrer.

Subito, Aveline viene raggiunta nella sala da de Ferrer, sovrintendente dei lavori nel campo. Nonostante l'inferiorità numerica, la donna riesce ad assassinare lui ed i suoi uomini e a fuggire dalle gallerie. Al termine dei tunnel, Aveline ritrova la madre. Tuttavia, la donna, dopo aver compreso che la figlia è diventata un'Assassina, e credendo che sia lì per assassinarla, fugge nelle gallerie, non prima di averle dette di non consegnare il Disco della Profezia ad Agaté.

Dopo due anni di assenza, Aveline ritorna a New Orleans, che trova ormai sotto il controllo dei soldati spagnoli. Parlando con il il confratello Assassino Gérald Blanc, la donna scopre che qualcuno sta corrompendo i soldati spagnoli per utilizzarli per i propri scopi. Dopo aver investigato, l'Assassina scopre che un uomo di nome Vázquez sta utilizzando i soldati spagnoli per ottenere il controllo delle operazioni di contrabbando del Bayou.

Credendo che in questo modo l'uomo potrebbe trovare il nascondiglio di Agaté, l'Assassina corre dall'uomo per avvertirlo del pericolo che corre. Su precise istruzioni dell'uomo, Aveline avvelena i soldati di Vázquez utilizzando la sua cerbottana; in questo modo, i soldati spagnoli credono di essere stati colpiti da una maledizione voodoo e fuggono dalla palude.

Torna in Messico 1.png

Aveline si ricongiunge con la madre Jeanne.

Aveline fa ritorno a Chichen Itza, dove si riappacifica con la madre, che la indirizza verso una canoa nascosta in un cenote. Seguendo le indicazione della madre, la donna esplora il cenote con la canoa e trova il secondo pezzo del Disco della Profezia. Lasciata la struttura della Prima Civilizzazione, Aveline offre alla madre di fare ritorno con lei a New Orleans. Tuttavia, Jeanne rifiuta l'offerta della figlia, intenzionata a rimanere in Messico per guidare la comunità di schiavi, ormai liberi dal giogo Templare grazie all'intervento dell'Assassina.

Aveline ritorna a New Orleans, dove, nonostante la grave malattia del padre, riprende il suo lavoro nell'aiutare gli schiavi della città. Consapevole del suo impegno, la sua matrigna, Madeleine de l'Isle, chiede all'Assassina di aiutare uno schiavo di nome George a fuggire verso nord. Raggiunto il Bayou, Aveline chiede agli amici contrabbandieri Élise Lafleur e Roussillon di portare lei e George insieme alla merce che stanno già trasportando ai patrioti impegnati nella guerra d'indipendenza americana.

Durante la traversata della palude, gli uomini vengono attaccati dai soldati spagnoli di Vázquez. Tuttavia, Aveline riesce a sconfiggere i soldati, permettendo al gruppo di raggiungere i patrioti, a cui chiede di portare George al sicuro a nord insieme a loro.

L'ultimo ballo 6.png

Aveline seduce Vázquez al ballo.

Aveline fa ritorno a New Orleans, dove si infiltra al ricevimento privato che si tiene nella casa del governatore, sicura di riuscire a trovarvi Vázquez, convinta del fatto che l'uomo sia il Company Man, il capo dei Templari della Louisiana. Dopo averlo sedotto e convinto a seguirlo in un angolo isolato, Aveline lo assassina. Tuttavia, in punto di morte, Vázquez le rivela di non essere il Company Man, in quanto questo è in realtà una donna. Quella sera stessa, il padre dell'Assassina muore.

Intenzionata a scoprire l'identità del Company Man, Aveline si dirige a nord, dove il suo confratello Gérald le ha rivelato essere un uomo al soldo dei Templari. Raggiunta la frontiera americana, la donna scopre che l'uomo che sta cercando porta il nome di Davidson e che si trova nei pressi della città di New York. Aveline si dirige nel luogo indicato, dove incontra Ratonhnhaké:ton, un Assassino Kanien'kehá:ka impegnato nella lotta ai Templari nelle colonie britanniche.

I due Assassini si dirigono verso il forte dove si nasconde Davidson. Grazie all'azione diversiva del suo confratello, Aveline riesce ad infiltrarsi nel forte e localizza Davidson, che scopre essere George, lo schiavo che aveva aiutato a fuggire su richiesta della matrigna. Dopo avergli impedito la fuga, Aveline assassina George, che in punto di morte le rivela l'identità del Company Man: la sua stessa matrigna Madeleine de l'Isle.

Basta nascondersi 3.png

Aveline si confronta con Madeleine.

Aveline fa subito ritorno a New Orleans, intenzionata ad affrontare Madeleine. La donna rivela ad Aveline di essere a conoscenza della sua appartenenza all'Ordine degli Assassini e di avere lasciato che eliminasse i Templari mossi da sentimenti immorali. Inoltre, illustrando come i loro obiettivi siano comuni, Madeleine prova a convincere la figliastra ad unirsi all'Ordine dei Templari.

Aveline fugge da New Orleans e si dirige nel Bayou per informare Agaté della scoperta dell'identità del Company Man. Tuttavia, credendo di aver fallito nell'addestramento della ragazza e convinto che si sia unita all'Ordine dei Templari, Agaté la attacca. Aveline sconfigge il suo Mentore e prova a convincerlo a lasciare la Louisiana per la sua stessa sicurezza. Tuttavia, Agaté decide di suicidarsi gettandosi dalla sua casa sull'albero, ritenendo impossibile continuare a vivere nella vergogna. Tentando di fermarlo, Aveline riesce ad afferrare solamente la collana di Agaté, che decide di conservare.

L'Assassina ritorna a New Orleans e si dirige alla cattedrale di San Louis, dove consegna a Madeleine le due parti recuperate del Disco della Profezia e la collana di Agaté, come prova delle morte dell'uomo. Ormai certa della fedeltà della ragazza, Madeleine introduce Aveline nell'Ordine dei Templari.

Dopo aver fatto assistere il giocatore alla sequenza dell'introduzione nell'Ordine Templare di Aveline, Assassin's Creed III: Liberation mostra i titoli di coda. Tuttavia, il gruppo di hacker noto come Collettivo Erudito, intenzionato a smascherare le false verità inserite dalla Abstergo Industries nei propri prodotti, mostra al giocatore ciò che accade ad Aveline subito dopo la sua cerimonia di iniziazione.

Erudito (ricordo) 4.png

Aveline si prepara ad assassinare Madeleine.

Madeleine posiziona sull'altare le due parti del Disco, che unisce con un frammento in suo possesso. Tuttavia, contrariamente alle sue aspettative, il Disco emette solamente suoni ed immagini senza senso, inutilizzabili per gli scopi dei Templari. Sfruttando la confusione, Aveline elimina tutti i Templari presenti nella cattedrale ed assassina Madeleine.

Rimasta sola nella cattedrale, Aveline si avvicina al Disco della Profezia, a cui unisce il medaglione che porta al collo, un tempo appartenente alla madre. Grazie all'ultimo frammento aggiunto, il Disco mostra ad Aveline un ologramma in cui vede una donna chiamata Eva venire nominata leader degli umani in vista di quella che sembra essere una imminente ribellione contro la Prima Civilizzazione.

Marketing

I possessori della versione per PlayStation 3 di Assassin's Creed III hanno la possibilità di collegare la console con la PlayStation Vita per ottenere ricompense esclusive: il tomahawk di Ratonhnhaké:ton e la possibilità di utilizzare l'Assassino Kanien'kehá:ka durante un ricordo.

Colonna sonora

Articolo principale: Assassin's Creed III: Liberation (soundtrack)

La colonna sonora è stata elaborata dalla compositrice statunitense Winifred Phillips.

Curiosità

  • Per il mercato giapponese, il gioco è stato rilasciato con il titolo di Assassin's Creed III: Lady Liberty.

Galleria


Inoltre su Fandom

Wiki a caso