Fandom

Assassin's Creed Wiki

Assassinio (Majd Addin)

2 664pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Discussione0 Condividi

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Eraicon - AC1.png

Assassinio è la rappresentazione virtuale di una delle memorie genetiche di Altaïr Ibn-La'Ahad, rivissuta da Desmond Miles nel 2012 attraverso l'Animus.

Descrizione

Altaïr Ibn-La'Ahad raggiunge la piazza dove si tiene l'esecuzione dei prigionieri. Majd Addin sembra essere acclamato ma, allo stesso tempo, temuto dal popolo. Dopo aver assistito al lungo discorso del reggente di Gerusalemme, Altaïr si avvicina furtivamente, nel caos, all'uomo, riuscendo ad assassinarlo.

Dialoghi

Altaïr Ibn-La'Ahad entra nella piazza dove si tiene l'esecuzione, mimetizzandosi con la folla. Majd Addin viene acclamato apertamente.

Assassinio (Majd Addin) 2.png

Altaïr osserva Majd mimetizzato tra la folla.

  • Majd: Silenzio! Esigo silenzio! Gente di Gerusalemme, prestatemi orecchio! Quest'oggi sono qui, per lanciare un ammonimento! Ci sono dei malcontenti, tra di voi! Essi seminano scontento, sperando di condurvi fuori strada! Ditemi: è questo che desiderate? Impantanarvi nell'inganno e nel peccato? Vivere nel costante terrore?
  • Popolo: No!
    Certo che no!
    Giammai!
  • Majd: Allora, volete reagire!?
  • Popolo: Certo!
    Sì!
    Guidateci!
  • Majd: La vostra devozione mi allieta. Bisogna estirpare il male! Solo così potremo sperare di essere redenti!

Due uomini, in precedenza origliati da Altaïr per le strade di Gerusalemme, si oppongono alle parole di Majd Addin.

  • Amad: Questa non è giustizia!
  • Civile: Non avete il diritto di farlo! Chi credete di essere?
  • Amad: Che voi tutti siete passivi, complici di questo crimine!
  • Civile: Che Dio vi maledica!

I due uomini sguainano le armi e tentanto di assaltare il palco, tuttavia il primo viene ucciso da una freccia mentre il secondo da un fendente di spada.

  • Majd: Vedete come il male di un uomo riesce a contaminare gli altri!? Cercano di instillare in voi la paura e il dubbio! Ma penserò io, a difendervi!
    (Voltandosi verso i quattro prigionieri) Ecco qui, quattro ignobili peccatori! La prostituta, il ladro, il giocatore, l'eretico. Che tutti loro vengano sottoposti al sacro giudizio di Dio!

La folla continua la sua acclamazione sfrenata. Nel frattempo, Altaïr trova il modo di avvicinarsi al palco, e, raggiunta una distanza adeguata, sferra il colpo mortale a Majd Addin, prima ch'egli inizi a giustiziare i quattro prigionieri.

Assassinio (Majd Addin) 3.png

Altaïr assassina Majd Addin.

  • Altaïr: Il vostro lavoro qui è finito.
  • Majd: No, no! Era appena iniziato!
  • Altaïr: Ditemi: qual'era il vostro ruolo in tutto ciò? Intendete giustificarvi come gli altri e spiegare il perché delle vostre malefatte?
  • Majd: La fratellanza voleva la città. Io volevo il potere. C'era... una opportunità.
  • Altaïr: L'opportunità di uccidere degli innocenti.
  • Majd: Non così innocenti. Le voci di dissenso tagliano come l'acciaio. Infrangono l'ordine. In questo, concordo con la fratellanza.
  • Altaïr: Avete ucciso delle persone solo perché non la pensavano come voi?
  • Majd: Certo che no. Le ho uccise solo perché potevo. Perché era divertente. Sai che cosa si prova a determinare il destino altrui? E hai visto come esultava il popolo? Quanto mi temevano? Ero come un Dio. Tu avresti fatto lo stesso, potendo. Un tale... potere.
  • Altaïr: Un tempo, forse. Ma poi ho appreso che fine fa chi si pone al di sopra degli altri.
  • Majd: Sarebbe a dire?
  • Altaïr: Ecco, lasciate che vi mostri.

Altaïr colpisce al collo Majd Addin con la sua lama celata, uccidendolo. Subito dopo, fugge dalla piazza per recarsi alla dimora degli Assassini.

Assassinio (Majd Addin) 6.png

Altaïr presenta la piuma intrisa del sangue di Majd Addin a Malik.

  • Altaïr: Alla città serve un nuovo governante.

Altaïr mostra la piuma insanguinata.

  • Malik: Così ho sentito.
  • Altaïr: Che cosa c'è? Niente perle di saggezza per me? Avrò certo sbagliato qualcosa in maniera plateale.
  • Malik: Hai agito come dovrebbe fare un Assassiyun, niente di più, né di meno. Che ti aspetti elogi per aver fatto il tuo dovere, però, mi inquieta.
  • Altaïr: Tutto quello che faccio ti inquieta.
  • Malik: Riflettici su. Ma fallo lungo la strada per Masyaf. Il tuo lavoro qui è finito.

Altaïr lascia Gerusalemme per tornare a Masyaf da Al Mualim.

Altaïr arriva a Masyaf e si reca nella fortezza per fare rapporto al suo maestro Al Mualim.

  • Al Mualim: Entra, Altaïr. Ti sei riposato? Sei pronto per le prove che ti restano?
  • Altaïr: Sì. Ma prima, vorrei parlarvi. Ho delle domande.
  • Al Mualim: Chiedi, dunque. Farò del mio meglio per risponderti.
  • Altaïr: Il re dei mercanti di Damasco ha assassinato i nobili della sua città. Majd Addin, a Gerusalemme, usava la paura per soggiogare il popolo. Sospetto che Guglielmo intendesse uccidere Riccardo e tenere Acri con le sue truppe. Costoro dovevano aiutare i loro sovrani, e invece hanno scelto di tradirli. Ciò che non capisco è perché.
  • Al Mualim: La risposta non è ovvia? I Templari vogliono il comando. Ciascuno di essi, come avrai notato, voleva rivendicare la propria città nel nome dei Templari. In modo che questi potessero governare la Terra Santa, e non solo quella. Ma la loro missione non può riuscire.
  • Altaïr: Come mai?
  • Al Mualim: I loro piani dipendono dal tesoro dei Templari, il Frutto dell'Eden. Ma adesso l'abbiamo noi, e non possono sperare di raggiungere i propri scopi senza di esso.
  • Altaïr: Cos'è questo tesoro?
  • Al Mualim: È la tentazione.
  • Altaïr: È solo un pezzo d'argento.
Assassinio (Majd Addin) 7.png

Al Mualim mostra la Mela dell'Eden ad Altaïr.

  • Al Mualim: (Innalzando la Mela davanti agli occhi di Altaïr) Osservalo!
  • Altaïr: E cosa dovrei vedere?
  • Al Mualim: Questo... "pezzo d'argento", ha cacciato Adamo ed Eva. Ha trasformato i bastoni in serpenti. Ha spalancato e richiuso il Mar Rosso. Eris l'ha usato per scatenare la guerra di Troia, e con esso, un povero falegname, ha trasformato l'acqua in vino.
  • Altaïr: Sembra piuttosto modesto per tutto il potere che gli attribuite. Come funziona?
  • Al Mualim: Colui che l'impugna domina i cuori e le menti di chiunque lo contendi, di chiunque lo "assaggi", come dico.
  • Altaïr: Gli uomini di Garniero?
  • Al Mualim: Un esperimento. Erbe usate per simularne gli effetti. Per essere pronti quando l'avessero avuto.
  • Altaïr: Talal li procurava. Tamir li equipaggiava. Si preparavano a qualcosa... ma a cosa?
  • Al Mualim: Alla guerra.
  • Altaïr: E gli altri? I governanti delle città? Intendevano radunare gli abitanti, renderli come gli uomini di Garniero.
  • Al Mualim: I cittadini perfetti. I soldati perfetti. Un mondo perfetto.
  • Altaïr: Roberto di Sable non dovrà mai riaverlo.
  • Al Mualim: Finché lui e i suoi fratelli sono in vita, ci proveranno.
  • Altaïr: Allora devono essere annientati.
  • Al Mualim: Ed è quello che ti ho ordinato di fare. Ci sono altri due Templari che richiedono la tua attenzione. Uno ad Acri, chiamato Sibrando. L'altro a Damasco, chiamato Jubair. Fa visita ai capi delle sedi. Ti daranno istruzioni.

Al Mualim libera piccioni diretti a Damasco ed Acri.

  • Altaïr: Come volete.
  • Al Mualim: Vai alla svelta. Senza dubbio Roberto di Sable è inquieto per i nostri continui successi. I suoi seguaci rimasti faranno in possibile per esporti. Sanno della tua presenza. L'uomo col cappuccio bianco. Ti daranno la caccia.
  • Altaïr: Non mi troveranno. Sono una lama nella folla.
  • Al Mualim: Vieni, il mio dono per te. Un ringraziamento per l'ottimo lavoro.

Risultato

Altaïr assassina Majd Addin e torna a Masyaf per ricevere nuovi ordini da Al Mualim.

Galleria

Inoltre su Fandom

Wiki a caso