FANDOM


Eraicon - AC3.png

Avverti il villaggio è la rappresentazione virtuale di un ricordo di Ratonhnhaké:ton.

Descrizione

Dopo aver appreso di essere in una nuova realtà, Ratonhnhaké:ton e sua madre, Kaniehti:io, decidono di avvertire il loro villaggio dell'avanzata del furioso re Washington.

Dialoghi

Dopo essere fuggiti dai soldati di Re George, ed aver salvato Concord, i due osservano Lexington, teatro di aspra guerriglia.

  • Kaniehti:io: Voleva distruggere l'intera città. È tutta colpa mia!
  • Ratonhnhaké:ton: Io non capisco. Washington mi conosce. È una persona di senno, se non altro. Ma non è lo stesso uomo che un tempo mi era amico!
  • Kaniehti:io: Di cosa parli? Quando mai avresti incontrato quel mostro?
  • Ratonhnhaké:ton: L'ho fatto... io... Madre, è tutto sbagliato! Washington, la violenza, tutto quanto!
  • Kaniehti:io: Dobbiamo correre ad avvisare il villaggio prima che quel pazzo arrivi a distruggere tutto. Monta a cavallo.

I due montano a cavallo e cominciano a dirigersi verso il loro villaggio.

  • Ratonhnhaké:ton: La Lexington che conoscevo era il teatro di un grande trionfo. Ora è il luogo di un disastro.
  • Kaniehti:io: Di qua. Faremo prima.
  • Soldato: Fuoco!
Avverti Il Villaggio 3.png

Ratonhnhaké:ton e sua madre informano gli altri due Kanien'kehá:ka del villaggio.

I due vengono colti di sorpresa da un gruppo di soldati, i quali fermano l'avanzata dei due indiani. Fortunatamente, Ratonhnahké:ton e sua madre uccidono tutti i soldati grazie all'aiuto di Kahionhaténion e Teiowí:sonte.​

  • Kaniehti:io: (Rivolta ai due guerrieri) Il folle re George è sul sentiero di guerra e vuole distruggere il villaggio. Ci serve l'aiuto di tutti per difenderlo: venite con noi.
  • Teiowí:sonte: Lo sappiamo. Per questo Oià:ner ci ha mandato all'Albero Sacro. Vuole che difendiamo la nostra gente.
  • Kaniehti:io: Preparando l'infuso? Ma è uscita di senno? Gli effetti negativi ne oscurano i benefici. Non dovete farlo!
  • Teiowí:sonte: Hai visto cosa può fare? E pericoloso?
  • Kaniehti:io: Io l'ho visto. Non è solo pericoloso: conduce alla pazzia, e persino alla morte, chi ha uno spirito debole.
  • Kahionhaténion: Obbediremo alla Grande Madre.
  • Kaniehti:io: Credetemi, l'infuso dell'Albero Sacro è follia! Venite con noi.
  • Teiowí:sonte: Obbediremo alla Grande Madre. Raccoglieremo i rami. Parla con Oià:ner e se, la convincerai, li bruceremo.
  • Kaniehti:io: Ci puoi contare.

Ratonhnhaké:ton e Kaniehti:io continuano a dirigersi, verso il loro villaggio intrattenendo qualche discussione.

  • Ratonhnhaké:ton: Cos'è l'infuso dell'Albero Sacro?
  • Kaniehti:io: Qualcosa che la nostra gente non avrebbe dovuto scoprire. Si prepara con i ramoscelli dell'Albero Sacro e lo bevono solo i guerrieri. Conferisce alcuni... poteri, Ratonhnhaké:ton, ma per ogni beneficio che se ne trae, la mente perde di lucidità. Non bisogna prepararlo!
  • Ratonhnhaké:ton: L'hai mai bevuto?
  • Kaniehti:io: Mai. Ma ho visto cosa accade a chi lo fa. Tu sei figlio di un uomo violento. Ne verresti danneggiato più di chiunque altro. Non ti permetterò mai di berlo!

I due giungono al villaggio, ancora inviolato da Re George.

  • Kaniehti:io: Per fortuna siamo arrivati in tempo.

Kaniehti:io si dirige infuriata dalla Grande Madre, cominciando a rimproverarla pesantemente.

  • Kaniehti:io: Vuoi preparare l'infuso dell'Albero Sacro? Hai dimenticato cosa succede a chi lo beve? Io no.
  • Oià:ner: No, Kaniehti:io. Ma quando si è di fronte ad un uomo come il re folle, non c'è un'altra via.
  • Kaniehti:io: Non c'è altra via? Combatteremo da soli! Io e mio figlio li abbiamo sconfitti da soli. Immagina la forza di un intero villaggio.
  • Oià:ner: E quanti soldati indomiti avete abbattuto in una volta sola? Due? Cinque? Dieci? Arriveranno in migliaia a ucciderci! Migliaia per causa tua! La nostra salvezza dipende solo dalla forza dell'Albero Sacro.
  • Kaniehti:io: Sei folle quanto il re. Fai come vuoi, ma mio figlio non berrà quell'infuso.
  • Oià:ner: Allora come te morirà.

Ratonhnhaké:ton e sua madre si dirigono verso la loro capanna.

  • Kaniehti:io: (Tra sé) Che stupida vecchia!
  • Ratonhnhaké:ton: Cosa vorresti che facessimo, madre? Non ci resta altro che lottare!
  • Kaniehti:io: Lo so. Ma ho qualcosa che ti aiuterà. Apparteneva a tuo padre.
  • Ratonhnhaké:ton: Mio padre?
  • Kaniehti:io: Te l'ha lasciato molto tempo fa, prima di morire.
Avverti Il Villaggio 6.png

Kaniehti:io consegna la lama celata del padre.

I due entrano nella loro capanna, dove Kaniehti:io dona a suo figlio le lame celate del padre.

  • Ratonhnhaké:ton: Le ha lasciate qui per me?
  • Kaniehti:io: Apparteneva a un Ordine. Una confraternita...
  • Ratonhnhaké:ton: So che era mia padre, e so cosa sono queste.
  • Kaniehti:io: Davvero?
  • Ratonhnhaké:ton: Mi torneranno utili.

Ratonhnhaké:ton si infila i bracciali delle lame celate.

  • Kaniehti:io: Come fai a saperlo?
  • Ratonhnhaké:ton: Non so spiegarlo. Qui è tutto sbagliato! Non ha senso. Neanche la tua presenza. Ti ho vista...

Un grande boato interrompe la discussione tra i due. Washington accompagnato da Benedict Arnold e Israel Putnam, è riuscito ad entrare nel villaggio.

Avverti Il Villaggio 8.png

Washington, Putnam e Arnold arrivano al villaggio.

  • Washington: Generale Putnam, generale Arnold. Talvolta perdo la speranza di vincere. Dubito della mia capacità e della mia forza. Ma con voi la mio fianco so che porteremo la libertà in questa nazione, e lo faremo con il pugno di ferro! Posso contare sulla vostra lealtà?
  • Putnam: Avete la mia parola d'onore.
  • Arnold: E la mia.
  • Washington: Grazie, fedeli amici. Il paese non vi dimenticherà.
  • Putnam: (Ai soldati) Non date scampo ai selvaggi!

Putnam e Arnold si dirigono ad aiutare le truppe, mentre Washington si ritrova faccia a faccia con Kaniehti:io.

  • Kaniehti:io: Non potrete mai vincere!
  • Washington: (Risata) Tu? Sei ancora viva? Sorprendente. Stavolta mi accerterò che tu muoia.
Avverti Il Villaggio 11.png

Kaniehti:io muore a causa della Mela di Washington.

Kaniehti:io muore sopraffatta dal potere della Mela di Washington. Suo figlio accortosi dell'accaduto si precipita dalla madre, oramai morta.

  • Ratonhnhaké:ton: Madre!
    Washington!

Ratonhnhaké:ton ingaggia un combattimento con il folle Re George.

  • Washington: Stai lottando contro la libertà!

​Ratonhnhaké:ton riceve l'urto della Mela, venendo sbalzato lontano. Tuttavia, si riprende e si lancia nuovamente contro il re folle, subendo la stessa fine.

  • Washington: Ho il potere... è regnerò su un mondo libero!

Washington sferra un potente colpo, che mette in ginocchio il suo avversario. Ratonhnhaké:ton subisce un'altro duro colpo dalla Mela di Re George. Infine il re folle spara due colpi di pistola sull'indiano e poi si fa donare un moschetto dal generale Arnold.

  • Washington: (Facendosi passare un fucile da Arnold) Date qua. Non si sa mai.

Re George infilza la baionetta nel corpo di Ratonhnhaké:ton e poi spara con la canna del fucile. Infine l'indiano sviene accanto al corpo di sua madre, mentre il re folle termina la sua opera.

Risultato

Ratonhnhaké:ton perde la madre e viene sopraffatto e sconfitto da Washington.

Galleria

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale