Fandom

Assassin's Creed Wiki

Benvenuto

2 664pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Discussione0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Eraicon - AC2.png

Benvenuto è la rappresentazione virtuale di una delle memorie genetiche di Ezio Auditore da Firenze, rivissuta da Desmond Miles nel 2012 attraverso l'Animus.

Descrizione

Ezio Auditore da Firenze e Leonardo da Vinci arrivano a Venezia e vengono condotti alla nuova bottega da Alvise da Vilandino, un portaborse che gli fa fare un rapido giro della città.

Dialoghi

Ezio Auditore da Firenze e Leonardo da Vinci, appena arrivati a Venezia, vengono accolti da un portaborse, Alvise di Vilandino.

  • Alvise: Maestro Da Vinci?
  • Leonardo: Sì?
  • Alvise: Ben arrivato! Mi chiamo Alvise. Il signor Dona mi ha chiesto di accompagnarvi alla bottega. Siete pronto?

Ezio e Leonardo iniziano un rapido giro di Venezia con Alvise.

Benvenuto 2.png

Ezio e Leonardo seguono Alvise.

  • Alvise: Ah, Venezia! Non v'è luogo altrettanto bello, altrettanto stabile e perfetto. Venite, vi mostrerò le sue meraviglie!

Alvise mostra a Leonardo e ad Ezio il Ponte di Rialto.

  • Alvise: La prima tappa, il Ponte di Rialto. Guardate l'eleganza con cui si staglia sul Canal Grande; simbolo di unità e orgoglio veneziano.
    Proseguiamo.

Alvise conduce i due alla Chiesa di San Giacomo di Rialto.

  • Alvise: Eccoci qua: San Giacomo di Rialto. La chiesa più antica di Venezia. Non è splendida? Il suo orologio? Magnifico!
    Seguitemi, c'è altro da vedere.

Alvise li conduce a un mercato.

  • Alvise: Nessun'altra città può eguagliare i mercati Venezia. Che si tratti di spezie o di sete, da terre lontane vicine, c'è... c'è...

Il gruppo vede delle guardie avvicinarsi a una bancarella.

Benvenuto 3.png

Le guardie minacciano il mercante.

  • Guardia 1: Ti avevamo detto di stare a casa.
  • Mercante: Ma ho pagato il nolo! Ho tutto il diritto di vendere qui!
  • Guardia 1: Emilio non è d'accordo!

Le guardie distruggono la bancarella.

  • Mercante: (Urlando) No, no! Fermi! Fermi!
  • Alvise: Proseguiamo il nostro giro... altrove.

Leonardo e Ezio continuano a seguire Alvise, finché Leonardo si ferma ad esaminare un piccolo manichino ad una bancarella.

  • Leonardo: (Prendendo in mano il manichino) Guarda. Non è curiosa? Ti spiace comprarmela? Ho... Ho lasciato il denaro fra i bagagli.

Ezio viene spintonato da una ladra.

  • Ezio: Ehi! Sta' un po' attento, coglione!

I tre continuano il loro giro ed arrivarono nei pressi del Palazzo della Seta.

Benvenuto 5.png

Ezio, Alvise e Leonardo osservano il Palazzo della Seta.

  • Alvise: E questo è il Palazzo della Seta, dimora di Emilio Barbarigo. Normalmente, vi inviterei a guardarlo più da vicino, ma... vista la situazione...
  • Ezio: Perché? Che è accaduto?
  • Alvise: Sta cercando di unire i mercanti sotto un'unica egida. C'è stata una certa resistenza, anche violenta.
  • Ezio: Che tipo di resistenza?
  • Alvise: Dicono di combattere per il popolo, per la libertà e altre sciocchezze del genere. Baggianate, a mio avviso.

Ezio osserva il mercante al quale è stata distrutta la bancarella parlare con le guardie all'ingresso del Palazzo.

  • Mercante: M'hanno distrutto la bancarella. Esigo un risarcimento!
  • Guardia 2: (Colpisce con la lancia il mercante) Eccoti servito.
  • Mercante: Il Doge lo verrà a sapere! Vi denuncerò al consiglio!
  • Guardia 3: Tanti auguri, amico mio.

Le guardie arrestano il mercante.

Benvenuto 7.png

Le guardie arrestano il mercante.

  • Mercante: Che state facendo?!
  • Guardia 4: Sei in arresto per intralcio al commercio.
  • Mercante: Cosa?! Cosa vi inventate?! Non c'è una legge simile!
  • Guardia 4: Adesso c'è.
  • Mercante: No! Fermi!

Le guardie portano il mercante all'interno del Palazzo della Seta.
Alvise, Leonardo ed Ezio arrivano alla nuova bottega di Leonardo.

  • Alvise: E ora, vi presento la vostra bottega, Ser Da Vinci. Non abbiamo badato a spese per realizzarla. Vedrete, è perfetta. Non vi farà rimpiangere Firenze. Vi auguro ogni successo e spero che apprezzerete Venezia quanto essa apprezza voi.

Alvise si inchina a Leonardo e gli tende la mano per ricevere la mancia. Leonardo tuttavia non gliela concede e Alvise lascia scontento i due.

Benvenuto 9.png

Ezio e Leonardo davanti alla bottega.

  • Leonardo: Infine, ci siamo. Emozionante, vero? Ti va di entrare?
  • Ezio: Magari più tardi. Devo visitare il Palazzo della Seta; e ottenere udienza da Emilio.
  • Leonardo: Come vuoi. Ma se dovessi aver del tempo libero o un'altra pagina del Codice, vienimi a trovare. La mia porta è sempre aperta.
  • Ezio: Grazie, amico mio.

Ezio e Leonardo si abbracciano.

  • Leonardo: Di nulla.

Ezio si reca al Palazzo della Seta.

Risultato

Ezio e Leonardo arrivano a Venezia ed Ezio vede Rosa per la prima volta.

Galleria

Inoltre su Fandom

Wiki a caso