FANDOM


Eraicon - AC1

Conoscenza è la rappresentazione virtuale di una delle memorie genetiche di Altaïr Ibn-La'Ahad, rivissuta da Desmond Miles nel 2012 attraverso l'Animus.

Descrizione

Altaïr Ibn-La'Ahad conclude le indagini sul suo bersaglio, Guglielmo del Monferrato, e si dirige alla dimora degli Assassini di Acri. Lì, condivide il suo sapere con il Rafiq Jabal che, appresa la preparazione di Altaïr, dà all'Assassino licenza di uccidere.

Dialoghi

Altaïr Ibn-La'Ahad entra nella dimora degli Assassini e si reca dal Rafiq.

  • Altaïr: Rafiq.
  • Jabal: Si è sparsa voce delle tue gesta, Altaïr. Pare che il tuo desiderio di redimerti sia sincero.
  • Altaïr: Faccio ciò che posso.
  • Jabal: E talvolta lo fai bene. Suppongo sia il lavoro che ci fa incontrare di nuovo.
  • Altaïr: Sì. Guglielmo del Monferrato è la mia preda. Che cosa sai dirmi del mio uomo?
  • Jabal: Guglielmo è stato nominato reggente mentre il re guerreggia. Una scelta bizzarra, visti gli attriti tra Riccardo e il figlio di Guglielmo, Corrado. Ma credo che Riccardo sappia il fatto suo.
  • Altaïr: In che senso?
  • Jabal: Riccardo e Corrado dissentono in molte faccende. Benché in pubblico la loro condotta sia civile si mormora che tramino uno contro l'altro. E poi è accaduta quella faccenda dei Saraceni catturati qui ad Acri. Di conseguenza Corrado ha fatto ritorno a Tiro e Riccardo ha costretto Guglielmo a rimanere qui come suo ospite.
  • Altaïr: Intendi come ostaggio.
  • Jabal: Comunque tu lo chiami, la presenza di Guglielmo qui dovrebbe dissuadere Corrado dall'agire.
  • Altaïr: Non mi ha mai interessato la politica.
  • Jabal: Ma certo comprenderai che ogni tua azione plasma il futuro di questa terra. Anche tu sei un politico, a tuo modo.
  • Altaïr: Sarà. Dove mi suggerisci di iniziare la ricerca?
  • Jabal: Alla cittadella di Riccardo, a sud-ovest. Anzi nel mercato antistante. Troverai anche la cattedrale della Santa Croce in quella direzione. È un luogo molto frequentato e sarà pieno di abitanti loquaci. Infine prova al margine ovest, dove si uniscono i distretti della catena e degli Ospitalieri. Tutti posti molto interessanti.
  • Altaïr: Molto bene. Non ti disturberò oltre.
  • Jabal: Nessun disturbo.

Altaïr esce dalla dimora degli Assassini.
Dopo aver svolto diverse indagini, Altaïr torna alla dimora per ottenere licenza di uccidere il bersaglio.

  • Jabal: Altaïr! Cosa ti conduce qui così presto?
  • Altaïr: Ho fatto quanto mi è stato chiesto e allargato la mia conoscenza. So ciò che devo fare per raggiungerlo.
  • Jabal: Parla e giudicherò.
  • Altaïr: L'armata di Guglielmo è grande e molti lo chiamano signore. Ma non è privo di nemici. Lui e re Riccardo non si vedono di buon occhio.
  • Jabal: Vero, non si sono mai intesi.
  • Altaïr: Questo gioca a mio favore. La visita di Riccardo l'ha inquietato. Dopo che il re se ne sarà andato Guglielmo si ritirerà nella sua fortezza a covare. Sarà distratto. Colpirò allora.
  • Jabal: Ne sei certo?
  • Altaïr: Sono più che certo. E se le cose cambiassero, improvviserò.
  • Jabal: Allora ti concedo di andare. Togli la vita a Monferrato perché questa città possa dirsi libera.

Il Rafiq porge una piuma ad Altaïr. L'Assassino la prende.

  • Altaïr: Sarò di ritorno a cose fatte.

Risultato

Altaïr condivide ciò che sa su Guglielmo del Monferrato con il Rafiq, che infine gli dà licenza di uccidere il bersaglio.

Curiosità

  • Per accedere a questo ricordo, sono necessarie solo due indagini sparse per la città di Acri.

Galleria

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale