Fandom

Assassin's Creed Wiki

Esecuzione pubblica

2 664pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Discussione0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Eraicon - AC3.png

Esecuzione pubblica è la rappresentazione virtuale di una delle memorie genetiche di Ratonhnhaké:ton, rivissuta da Desmond Miles nel 2012 attraverso l'Animus.

Descrizione

Connor viene accompagnato da Thomas Hickey nel centro di New York per essere condannato a morte per il tentato assassinio di George Washington. Tuttavia, grazie all'aiuto di Achille Davenport e degli altri Assassini, Connor riesce a sfuggire all'impiccagione ed a fermare Hickey prima che possa assassinare il comandante in capo dell'Esercito Continentale.

Dialoghi

Ricordo

Due guardie carceraria entrano nella cella di Connor, svenuto per terra.

  • Guardia: Su! In piedi!

Una delle due guardie colpisce con un calcio Connor, che si sveglia.

  • Guardia: Ho detto in piedi!

Le due guardie aiutano Connor ad alzarsi da terra e lo portano fuori dalla cella.

  • Guardia: Cammina.

Mentre Connor cammina tra i corridoi della prigione, un prigioniero gli si rivolge.

  • Prigioniero: Addio! (Risata)

Connor viene condotto fuori dalla prigione di Bridewell e fatto salire su un carro.
Dopo un breve viaggio fino al centro di New York, Connor viene fatto scendere dal carro, e preso in custodia da una guardia e da Thomas Hickey.

Esecuzione Pubblica 2.png

Hickey scorta Connor verso il patibolo.

  • Thomas: (Sarcasticamente) Ciao, Connor. Non pensavi che mi sarei perso la festa d'addio, vero? Ho sentito che verrà anche Washington in persona. Spero non gli accada nulla.
  • Connor: Avevi parlato di un processo!
  • Thomas: Eh, non si processano i traditori. Tutto merito di Lee e Haytham. Te ne vai dritto sulla forca! (Risata)
  • Connor: Oggi non morirò. Non posso dire lo stesso di te.
  • Guardia: Ora basta! Muoviti!

Hickey e la guardia scortano Connor verso il patibolo, circondato da una folla urlante.
Ad un certo punto, una donna si avvicina a Connor e gli tira un pugno sulo volto, facendolo cadere a terra. Facendosi largo tra folla, Achille Davenport raggiunge la donna e la allontana da Connor. Poi, il vecchio si avvicina al suo allievo per aiutarlo a rialzarsi.

  • Achille: Non sei solo. Grida pure se hai bisogno di noi...
  • Connor: Lascia perdere me. Devi fermare Hickey. Lui-

Hickey alza di peso Connor da terra e ricomincia a spingerlo verso il patibolo.

  • Thomas: Muoviti! Non vorrai tardare, giusto? Dovevi fare proprio l'eroe, vero? Tu e pure George. Ora vedrai che si ottiene: una cassa di pino e basta.

Connor sale sul patibolo, dove gli viene legato il cappio intorno al collo. Intanto, al suo fianco, Charles Lee tiene un discorso ai cittadini di New York.

  • Charles: Fratelli. Sorelle. Amici patrioti. Alcuni giorni fa ho scoperto un piano così vile, così perverso, che al solo parlarne, ancora provo dolore. L'uomo davanti a voi voleva uccidere il nostro beneamato generale. Esatto. Quale malvagità o follia lo pervadano, non so dirlo. E nemmeno ha provato a difendersi. Non prova rimorso. E sebbene lo abbia implorato e pregato di rivelarci ciò che sa, è rimasto in totale silenzio. Se lui stesso non vuole parlare, se non confessa né si pente, cosa dobbiamo pensare, se non questo? Voleva farci cadere nelle mani del nemico. E quindi siamo costretti dalla giustizia a condannarlo a morte.
    (A Connor) Possa Dio avere pietà di te.

Charles azione la botola del patibolo, e Connor rimane appeso per il collo. Tuttavia, gli Assassini guidati da Achille tagliano la corda del cappio, facendo cadere Connor a terra tra la confusione generale.

  • Connor: Devo... fermare Hickey...
  • Achille: (Consegnandogli il tomahawk) Va'!

Facendosi largo tra la folla, Connor raggiunge Hickey e lo ferisce prima che possa attaccare Washington.

Esecuzione Pubblica 10.png

Gli ultimi momenti di Hickey.

  • Thomas: Accidenti. Crededo di vivere ancora a lungo. Peccato.
  • Connor: Voglio risposte. Perché Johnson vuole la terra del mio popolo? Perché Pitcairn mirava a Adams e ad Hancock? L'uccisione di Washington a che doveva servire? Perché Il vostro Ordine aiuta gli inglesi?
  • Thomas: E io che ne so? I Templari. Lee. Il pezzo grosso, Haytham. Hanno i soldi. Hanno il potere. Ecco perché stavo con loro. Solo per questo. Di sicuro, hanno un piano per il futuro del mondo. Ma non me n'è mai fregato niente. Che facciano i loro discorsi sull'umanità e sui suoi problemi. Che studino i loro piani e preparino trappole. A me non interessa. Mi pagavano e io obbedivo. Non ho mai chiesto né chi né cosa né perché. No, grazie.
  • Connor: Hai scelto di schierarti con uomini che ci derubano della nostra umanità semplicemente perché era più redditizio?
  • Thomas: Cos'altro conta? Non sono così ingenuo da seguire dei principi. E che cos'è un principio? Ci si compra qualcosa? Non guardarmi così. Siamo diversi io e te! Tu sei solo un imbecille a caccia di farfalle. A me importa soltanto avere una birra in una mano e una tetta nell'altra. Vedi, amico, io ottengo quello che voglio. È così, sai? E tu resterai con un pugno di mosche.

Thomas Hickey esala il suo ultimo respiro di fronte a Connor.
Quando si rialza da terra, Connor si ritrova le armi di diversi soldati dell'Esercito Continentale puntate addosso. Tuttavia, prima che gli uomini possano attaccarlo, Israel Putnam si avvicina all'Assassino.

Esecuzione Pubblica 12.png

Putnam Parla con Connor.

  • Putnam: (Ai soldati) Calma, uomini! Abbassate le armi! Vi ho detto di abbassare le armi! Quest'uomo è un eroe!
    (A Connor) Il generale sa essere davvero testardo. Balle, ha detto, quando l'abbiamo avvertito del pericolo che correva! Balle! Ah!

Putnam dà un calcio al cadavere di Hickey.

  • Connor: Basta.
  • Putnam: Voleva uccidere il comandante. E ha quasi ucciso voi. Era un furfante.
  • Connor: Ma era un uomo.
  • Putnam: Ah. Senza onore, non si è niente.
  • Connor: Dov'è Washington? Devo parlargli.
  • Putnam: Se n'è andato subito dopo la vostra supposta esecuzione. Sarà sulla strada per la Philadelphia ormai.
  • Connor: Lo raggiungerò.
  • Putnam: Qualcosa non va?
  • Connor: È ancora in pericolo. Hickey non agiva da solo...

Connor lascia New York.

Successivamente, Connor raggiunge Achille Davenport a Philadelphia, con cui entra alla Indipendence Hall.

  • Achille: Davvero notevole quello che hai fatto.
  • Connor: Sarebbe... un complimento?
  • Achille: Ora non esagerare. Sono convinto che tutto finirà in tragedia. Ma sei arrivato fin qui e, beh, Hai superato le mie aspettative.
  • Connor: La gente anela alla libertà, ma ha paura di prendersela. La paura è svanita ormai.
  • Achille: Grazie a te.
  • Connor: No. È tutto merito loro.
  • Achille: Ti stai sminuendo. Ma hai sempre avuto un cuore d'oro.
  • Connor: Faccio quel che è giusto. Né più. Né meno.
  • Achille: Non puoi dirlo.
  • Connor: Devo farlo. Altrimenti, non sarà mai al sicuro.
  • Achille: È meglio che non sappia! Instillandogli il seme del dubbio, rischi di vanificare ogni suo sforzo. Se Washington si fermasse, Charles Lee colpirebbe. Causeresti proprio ciò che vuoi impedire. Stana i Templari. È il tuo dovere. Ma non coinvolgere questi uomini.

Dopodiché, Connor e Achille raggiungono la sala principale dell'edificio, dove Samuel Adams, John Hancock e Benjamin Franklin stanno firmando la formale dichiarazione d'indipendenza delle colonie americane dall'Inghilterra.

Esecuzione Pubblica 14.png

Connor, Adams, Hancock e Franklin dopo la firma della dichiarazione.

  • Hancock: È il momento di restare uniti.
  • Franklin: Già, dobbiamo sempre stare uniti. Altrimenti finiremmo sulla forca uno per uno.
  • Samuel: (A Connor) Anche stavolta ci hai salvato, amico.
  • Connor: Devo parlare con il comandante.
  • Samuel: È dovuto andare a New York. Gli inglesi vogliono prenderla. Temo che dovremmo richiamare anche le nostre truppe dal Quebec... Un conto è proclamare l'indipendenza. Ma noi, amico mio, dobbiamo cerca di difenderla.

Risultato

Connor scampa alla forca e riesce ad assassinare Thomas Hickey.

Curiosità

  • Secondo Assassin's Creed: Forsaken, gli Assassini presenti all'esecuzione cercano di tagliare il cappio di Connor, ma falliscono. È invece Haytham, nascosto tra la folla, a salvare Connor, lanciando un pugnale contro la corda.

Galleria

Inoltre su Fandom

Wiki a caso