Fandom

Assassin's Creed Wiki

Fattorino

2 664pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Discussione0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Eraicon - AC2.png

Fattorino è la rappresentazione virtuale di una delle memorie genetiche di Ezio Auditore da Firenze, rivissuta da Desmond Miles nel 2012 attraverso l'Animus.

Descrizione

Ezio Auditore da Firenze, dopo essere tornato a Palazzo Auditore, incontra il padre Giovanni, che gli chiede di portare una lettera a Lorenzo de' Medici. Ezio dopo aver consegnato la lettera al guardiano di Palazzo Medici, scopre che Lorenzo è fuori città e torna a riferire la notizia al padre, che è in riunione con il Gonfaloniere di Giustizia Uberto Alberti.

Dialoghi

Ezio Auditore da Firenze fa ritorno a Palazzo Auditore e trova il padre, Giovanni Auditore, che lo aspetta all'ingresso principale.

  • Ezio: Buongiorno, padre.
  • Giovanni: Vieni con me.
  • Ezio: Qualcosa non va?
  • Giovanni: (Con tono serio e deluso) Credi ch'io sia cieco e sordo, figlio? So tutto della scaramuccia con Vieri de' Pazzi di questa notte. E pure della visita a Cristina. La tua condotta è inaccettabile! Mi... Mi... (Con tono gioviale, mettendo una mano sulla spalla del figlio) Mi ricorda me quando avevo la tua età. Spero che queste "distrazioni" non interferiscano col tuo lavoro di oggi.
  • Ezio: No, padre. Avete la mia parola.

Ezio segue il padre all'interno del suo studio.

  • Giovanni: Ho preparato qui dei documenti per il signor Lorenzo de' Medici. Ho bisogno che glieli consegni.

Giovanni consegna delle lettere ad Ezio.

  • Ezio: Vado subito, padre.
  • Giovanni: Una volta fatto, torna da me.

Ezio raggiunge la abitazione di Lorenzo de' Medici, dove incontra Boetio, il guardiano.

Fattorino 3.png

Ezio parla con Boetio.

  • Guardiano: Ah, Ezio. Ben trovato. Come state?
  • Ezio: Come sempre. Ho una lettera per Messer Lorenzo.
  • Guardiano: Gliela farò avere quando sarà di ritorno.
  • Ezio: Di ritorno?
  • Guardiano: Sono andati alla villa di Careggi, ahimè. Non faranno ritorno prima di un giorno almeno.
  • Ezio: Riferirò a mio padre.

Ezio torna a Palazzo Auditore, dove trova il fratello Federico che lo prende in giro.

  • Federico: (Con tono ironico) Bravo, datti da fare.
  • Ezio: Bischero!
  • Federico: (Risata)

Ezio senta il padre parlare con un uomo all'interno del suo studio.

  • Uberto: Ti preoccupi per nulla, Giovanni. Francesco de' Pazzi è in prigione. Non c'è più pericolo.

Ezio entra nello studio di Giovanni.

Fattorino 4.png

Ezio saluta il Gonfaloniere.

  • Giovanni: Ah, salute figliolo. Ricordi il mio amico Uberto?
  • Ezio: Buongiorno, Gonfaloniere Alberti.
  • Uberto: Buongiorno a te, giovanotto.
  • Giovanni: (A Ezio) Hai consegnato il messaggio?
  • Ezio: Sì, padre. Ma pare che Lorenzo sia fuori città.
  • Giovanni: Uhm, questo non l'avevo previsto...
  • Uberto: Che cosa importa? Dovrai solo aspettare un paio di giorni.
  • Giovanni: (A Ezio) Ascolta, tua madre e tua sorella ti stavano cercando. Avrò ancora bisogno di te più tardi, ma per adesso, vedi se puoi aiutare loro.
  • Ezio: Siete sicuro?
  • Giovanni: Sì, ora se vuoi scusarci...
  • Uberto: È stato un piacere, Ezio.

Ezio lascia il padre e il Gonfaloniere Uberto Alberti da soli.

Risultato

Ezio consegna una lettera per conto del padre.

Galleria

Fonti

Inoltre su Fandom

Wiki a caso