Fandom

Assassin's Creed Wiki

La Volpe

2 664pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Discussione3 Condividi

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Eraicon - Assassini.pngEraicon - AC2.pngEraicon - Brotherhood.pngEraicon - Recollection.pngEraicon - Rinascimento.pngEraicon - Fratellanza.png

"Mi chiamano in molti modi. Omicida. Tagliagole. Ladro. Ma tu puoi chiamarmi La Volpe."
―La Volpe[src]
La Volpe
La Volpe ACBH.png
Informazioni biografiche
Periodo storico

Rinascimento

Informazioni politiche
Affiliazioni

Assassini
Ladri

Altre informazioni
Appare in

Assassin's Creed II
Brotherhood
Rinascimento
Fratellanza
Recollection

Doppiatore

Lorenzo Scattorini

Gilberto, meglio conosciuto come La Volpe, è stato il capo della gilda dei ladri di Firenze e di Roma, e membro dell'Ordine degli Assassini. Molto poco si sa sulla Volpe, tanto che sembra non essere mai esistito.

Biografia

Primi anni

Si sa poco dei primi anni di vita di la Volpe, tanto che non vi è praticamente traccia di lui nei libri di storia. La Volpe era chiaramente uno pseudonimo, ma pochi conoscevano il suo vero nome.[1]

Tuttavia si diffusero molte leggende su La Volpe: pare che avesse rapinato un convoglio papale senza che nessuno, né le guardie, né il Papa stesso, seduto all'interno della carrozza, se ne accorgesse. Una notte nel 1467 fu visto aggirarsi nello stesso tempo sui tetti di Palazzo della Signoria, Palazzo Medici, e Santa Croce. Alcuni gli attribuirono l'immortalità e l'eterna giovinezza, mentre altri sostenevano che i suoi occhi viola potessero vedere attraverso i palazzi, esaminandone l'interno.[1]

Aiutando Ezio Auditore

Nel 1478, venne a sapere che Ezio Auditore da Firenze, il figlio del defunto Assassino Giovanni Auditore, era venuto a Firenze per assassinare il Templare Francesco de' Pazzi. Ad Ezio fu riferito dal suo amico Leonardo da Vinci che La Volpe sarebbe stato in grado di aiutarlo, così Ezio cercò La Volpe al Mercato Vecchio.[1]

Il 25 aprile, mentre cercava la Volpe, Ezio venne derubato da un ladro. Riuscì ad atterrarlo e gli stava chiedendo i soldi quando apparve la Volpe. L'uomo ridiede il suo denaro al giovane e si presentò. Quando Ezio gli chiese informazioni su Francesco de' Pazzi, la Volpe gli disse che al tramonto si sarebbe tenuto un incontro segreto. Quando Ezio gli chiese dove si sarebbero incontrati i Templari, la Volpe gli propose di accompagnarlo.[2] La Volpe condusse Ezio a Santa Maria Novella, dove i congiurati dei Pazzi si sarebbero incontrati.[3] Attese Ezio vicino alle fogne, dalle quali Ezio uscì fuori, dicendogli che stavano progettando di uccidere i Medici durante la Santa Messa. Ezio poi assicurò alla Volpe che avrebbe fatto di tutto per non far morire Lorenzo.[4]

Acquisizione della Mela dell'Eden

Nel 1488, La Volpe e alcuni degli altri Assassini si incontrarono a Venezia per acquisire la Mela dell'Eden da Rodrigo Borgia, il Gran Maestro dei Templari. Quando arrivarono da Rodrigo, lo videro lottare con Ezio Auditore. Gli Assassini si precipitarono velocemente per aiutarlo. Alla fine, Rodrigo fuggì e abbandonò la Mela. Successivamente, La Volpe partecipò alla Cerimonia di Iniziazione di Ezio.

Il Falò delle vanità

Nel 1494, Firenze fu presa in mano da Girolamo Savonarola, che era entrato in possesso della Mela.

Nel 1497, lui e Paola, un altra Assassina e tenutaria di un bordello fiorentino, furono contattati da Niccolò Machiavelli per aiutarlo a far insorgere i cittadini, dopo che Ezio avrebbe finito di uccidere i luogotenenti di Savonarola. Dopo che i luogotenenti furono uccisi, La Volpe, Paola, Machiavelli ed Ezio si riunirono di fronte a Palazzo Pitti per vedere la folla inferocita ribellarsi al Savonarola. Savonarola, però, cercò di arginare la folla con la Mela, ma fu rapidamente fermato grazie ad un pugnale da lancio scagliato da Ezio.

Essi si riunirono poi per l'esecuzione di Savonarola, ma Ezio pensò che nessuno dovrebbe soffrire la pena di essere bruciati vivi. Ezio uccise Savonarola prima che le fiamme lo potessero raggiungere e tenne un discorso, dicendo che, guidato da alcuni stranieri, trovò il proprio percorso, e che capì che nessuno ha il diritto di governare gli uomini.

Trovare la Cripta

Nel dicembre 1499, La Volpe si incontrò con gli altri Assassini nella Villa Auditore, a Monteriggioni, per svelare la posizione della Cripta. Essi hanno scoperto che la Cripta è situata a Roma, deducendo che Rodrigo Borgia divenne papa solo per aver accesso alla Cripta e al Bastone, altro frutto dell' Eden. Insieme viaggiarono Roma, dove, mentre creavano scompiglio in città, Ezio si infiltrava nella Cappella Sistina.

Roma

Intelligenza Collettiva 2.png

La Volpe incontra i compagni nel covo dell'Isola Tiberina.

Dopo che gli Assassini fecero ritorno da Roma, Monteriggioni fu assediata da Cesare Borgia. Come risultato, l'Assassino Mario Auditore fu ucciso, e alcuni membri dell'Ordine degli Assassini, tra cui La Volpe, si recarono a Roma per combattere i Borgia. Quando Ezio lo incontrò a Roma, La Volpe rifiutò di cooperare con Niccolò Machiavelli, definendolo un traditore degli Assassini.

In questo periodo, La Volpe fu impegnato nella guerra contro i Cento Occhi, e si dice si sia infiltrato in Vaticano, derubando i cardinali che partecipavano ad una festa, lasciando loro solo le Bibbie.

"Vieni, Niccolò. È tanto che noi due non parliamo."
―La Volpe a Niccolò Machiavelli, dopo che Ezio l'ha fermato[src]

La Volpe credeva che Machiavelli avesse tradito gli Assassini per i Borgia, prima durante l'Assedio di Monteriggioni, poi quando la Gilda dei Ladri di Roma fu attaccata. Tuttavia, Ezio trovò poi il vero traditore al Colosseo, e rapidamente si fiondò all'Isola Tiberina per tentare di fermare La Volpe, che voleva uccidere Machiavelli. Ezio arrivò giusto in tempo per fermarlo, e, quando La Volpe si rese conto del suo errore, riallacciò con Machiavelli. La Volpe partecipò anche alla Cerimonia di Iniziazione di Claudia Auditore, la sorella di Ezio.

Curiosità

  • Poiché non vi è alcuna traccia del suo nome reale, i file del database fanno notare che "La Volpe" è il suo pseudonimo, dato dal fatto che solo una volpe potrebbe eguagliare la sua astuzia.
  • Nel romanzo Assassin's Creed: Rinascimento, egli si faceva chiamare "Gilberto", ma preferiva essere conosciuto come "La Volpe".
  • Egli utilizza un coltello da macellaio come arma primaria.
  • La Volpe non utilizza la Lama Celata, come tutti gli Assassini del gioco, eccetto gli adepti.
  • La Volpe è l'unico Assassino oltre ad Ezio che indossa un cappuccio in Assassin's Creed II. Tuttavia, il suo cappuccio non è né bianco né ha la forma di becco d'aquila.
  • Va notato che, quando Ezio lo segue verso Santa Maria Novella, Ezio è più lento e senza fiato, mentre La Volpe respira normalmente. Questo sembra suggerirci che, anche se più vecchio, ha più resistenza di lui.
  • Si deve anche notare che La Volpe ha compiuto un' azione che Ezio non può eseguire: essere visto in cima a Palazzo Medici (uno dei pochi tetti nel gioco che non possono essere raggiunti).
  • Il Masnadiero possiede alcune caratteristiche in comune con La Volpe, come lo stile del suo mantello e del cappuccio, e uno dei suoi pseudonimi: Il Lupo.
  • In Assassin's Creed: Brotherhood, La Volpe non sembra essere invecchiato affatto.

Galleria

Note

  1. 1,0 1,1 1,2 Assassin's Creed II
  2. Caccia Alla Volpe - Assassin's Creed II
  3. Ci Si Vede Là - Assassin's Creed II
  4. Conciliabolo Segreto - Assassin's Creed II

Inoltre su Fandom

Wiki a caso