Fandom

Assassin's Creed Wiki

La veglia del Mentore

2 664pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Discussione0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Eraicon - Revelations.png

La veglia del Mentore è la rappresentazione virtuale di una delle memorie genetiche di Ezio Auditore da Firenze, rivissuta da Desmond Miles nel 2012 attraverso l'Animus.

Descrizione

In seguito alla morte di Al Mualim, Altaïr Ibn-La'Ahad lascia la Mela dell'Eden nello studio, e brucia il corpo di Al Mualim. Il gesto provoca dei tumulti tra gli Assassini, e Abbas Sofian ne approfitta per rubare la Mela.

Dialoghi

Altaïr Ibn-La'Ahad, dopo aver ucciso Al Mualim, riflette sugli ultimi avvenimenti. Ricorda quindi che il Mentore lo aveva immobilizzato con la Mela, ma che era comunque riuscito a sconfiggerlo ed a ucciderlo.

  • Altaïr: Avevate il fuoco in pugno, vecchio. Dovevate distruggerlo.
  • Al Mualim: Distruggere l'unica cosa in grado di fermare le crociate e portare la vera pace? Giammai!
  • Altaïr: Perdonatemi per questo, Mentore, ma la Mela vi ha corrotto e attraverso voi avrebbe corrotto anche noi. Dovevate morire, perché potessimo vivere.

Altaïr raggiunge l'atrio della fortezza di Masyaf, dove ha messo il corpo senza vita di Al Mualim, e un Assassino lo raggiunge.

  • Assassino: È davvero finita? Quello stregone è morto?
  • Altaïr: Non era uno stregone, solo un uomo capace di comandare le illusioni. Hai preparato la pira?
  • Assassino: Certo, ma, Altaïr, gli uomini non accetteranno una cosa simile.
  • Altaïr: Me ne occupo io.

Altaïr prende in braccio il corpo di Al Mualim per portarlo alla pira funeraria mentre continua a parlare con l'Assassino.

  • Altaïr: Riesci a viaggiare?
  • Assassino: Ce la faccio, si.
  • Altaïr: Ho chiesto a Malik di portare a Gerusalemme la notizia della morte di Al Mualim. Tu vuoi recarti ad Acri e fare lo stesso?
  • Assassino: Ma certo.

Mentre porta il corpo di Al Mualim alla pira, Altaïr incontra l'Assassino Abbas Sofian.

La Veglia Del Mentore 3.png

Altaïr incontra Abbas.

  • Abbas: Cosa è accaduto qui?
  • Altaïr: Il Mentore ci ha ingannati. Era corrotto dai Templari.
  • Abbas: Quali prove hai di ciò?
  • Altaïr: Accompagnami, Abbas, e ti spiegherò.
  • Abbas: E se troverò le tue risposte inadeguate?
  • Altaïr: Parlerò fino a che non ti avrò persuaso.
    Ricordi il manufatto che strappammo a Roberto di Sable sotto il Tempio di Salomone?
  • Abbas: Quello che tu dovevi recuperare ma che altri consegnarono?
  • Altaïr: Si. È uno strumento dei Templari, il Frutto dell'Eden. Evoca illusioni e controlla la mente degli uomini: un arma micidiale.
  • Abbas: E tu ritieni che Al Mualim fosse stregato?
  • Altaïr: Si, oggi ha usato la Mela per assoggettare Masyaf. L'hai visto con i tuoi occhi.
  • Abbas: Non lo so che cosa ho visto.
  • Altaïr: Ascolta, la Mela è al sicuro nello studio di Al Mualim. Quando avrò finito qui, ti mostrerò tutto quello che so.

Altaïr pone il corpo morto di Al Mualim sulla pira funeraria e gli dà fuoco.

La Veglia Del Mentore 5.png

Altaïr e Abbas davanti al corpo in fiamme.

  • Abbas: Altaïr! No!
  • Altaïr: Devo assicurarmi che non possa tornare.
  • Abbas: Ma è contro i nostri usi! Bruciare il corpo di un uomo è proibito!
  • Cittadino: Sacrilegio!

Altaïr si rivolge alla folla accorsa alla pira funeraria di Al Mualim.

  • Altaïr: Ascoltatemi! Questo corpo potrebbe essere un altro dei fantasmi di Al Mualim! Devo esserne certo!

Abbas interviene.

  • Abbas: Menzogne! Per tutta la vita ti sei fatto beffe del nostro Credo! Tu pieghi le regole ai tuoi capricci, sminuendo e umiliando coloro che ti circondano!
  • Cittadino: Prendetelo!
  • Assassino: Non l'hai sentito? Al Mualim è stregato!

Sfruttando la distrazione di Altaïr, che ascolta le voci della folla, Abbas lo scaglia giù dalla rupe su cui si trova la pira, verso la folla, e si dirige verso la fortezza. Dopo un piccolo scontro tra gli Assassini sostenitori di Altaïr e quelli che invece sostengono la tesi di Abbas, questo attira l'attenzione dei combattenti urlando da una torre della fortezza con il Frutto dell'Eden tra le mani.

La Veglia Del Mentore 10.png

Abbas con in mano la Mela.

  • Abbas: Che cosa ti avevo detto, Altaïr?
  • Altaïr: Abbas! Fermo!
  • Abbas: Cosa credevi sarebbe successo quando hai ucciso il nostro amato Mentore?
  • Altaïr: Tu amavi Al Mualim meno di chiunque! Lo incolpavi di tutte le tue sventure, persino del suicidio di tuo padre!
  • Abbas: Mio padre era un eroe!
  • Altaïr: Non è il momento di discutere del passato. Dobbiamo decidere che cosa fare di quell'arma!
  • Abbas: Di qualunque cosa sia capace, non sei degno di avere questo manufatto!
  • Altaïr: Nessuno lo è!
  • Abbas: Ah, è davvero splendida, non è vero?
La Veglia Del Mentore 11.png

Abbas sopraffatto dal potere della Mela.

Il potere della Mela sopraffae Abbas che cade a terra. Altaïr così, dopo essersi arrampicato sulla torre sulla quale si trova Abbas per aiutarlo, lo trova a terra sofferente con la Mela dell'Eden ancora in mano.

  • Abbas: (Urla di dolore) Ah...

Altaïr prende la Mela dell'Eden dalle mani di Abbas che è a terra agonizzante e gli Assassini, rimasti alla base della torre sulla quale si trovano i due, parlano tra di loro.

  • Assassino: Che cosa è stato? Sono morti?

Abbas, ancora a terra, vede Altaïr.

  • Abbas: Ah... Perdonami... Io... Non... Sapevo...

Altaïr si rivolge direttamente al manufatto.

  • Altaïr: Hai qualcosa da insegnarci? O ci condurrai tutti alla rovina?

Dopo aver visto l'episodio della vita di Altaïr Ibn-La'Ahad mostrato dalla Chiave di Masyaf, Ezio Auditore da Firenze riflette sul suo scopo.

  • Ezio: Altaïr, appena ventiseienne, e già diventato Mentore a capo di un Ordine scisso. Come si fa a convivere con una tale responsabilità? E con un tale potere?

Ezio prosegue la sua ricerca a Costantinopoli.

Risultato

Altaïr si assicura che Al Mualim sia davvero morto bruciando il suo corpo ed entra in possesso della Mela dell'Eden.

Curiosità

  • Il ricordo si colloca subito dopo gli avvenimenti di Assassin's Creed.
  • Se si osserva il giardino in cui Altaïr ed Al Mualim hanno combattuto, si possono notare i corpi degli Assassini che Al Mualim ha utilizzato durante lo scontro.

Galleria

Inoltre su Fandom

Wiki a caso