Fandom

Assassin's Creed Wiki

Maria Thorpe

2 664pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Discussione0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Eraicon - Assassini.pngEraicon - Templari.pngEraicon - AC1.pngEraicon - AC2.pngEraicon - Revelations.pngEraicon - Bloodlines.pngEraicon - Crociata Segreta.pngEraicon - Revelations romanzo.png

"Ho sempre lavorato in Terra Santa, adesso non voglio più. E tutto quello a cui ho rinunciato per i Templari... mi chiedo dove sia finito, devo provare a cercare nuovamente."
―Maria riflette sulla sua vita dopo aver rotto i legami con i Templari
Maria Thorpe
Maria Thorpe ACR.png
Informazioni biografiche
Nato

1161
Leicester, Inghilterra[1]

Morto

1228
Masyaf, Siria

Periodo storico

Basso Medioevo

Informazioni politiche
Affiliazioni

Templari (sino al 1193 ca.)
Assassini (1193 ca. - 1228)

Altre informazioni
Appare in

Assassin's Creed
Bloodlines
Assassin's Creed II (ricordo represso)
La Crociata Segreta
Revelations
Revelations (romanzo)

Doppiatore

Donatella Fanfani

Maria Thorpe (1161 - 1228) è stata una Templare inglese, che impersonò Roberto di Sable. Quando Roberto morì, lasciò il posto a Armand Bouchart e, per un disaccordo, Maria fu abbandonata dai Templari e cercò asilo presso gli Assassini.

Dopo aver seguito Altaïr Ibn-La'Ahad nel suo viaggio a Cipro, divenne sua moglie e da lui ebbe due figli, Darim e Sef.

Biografia

Giovinezza

"Io sono quella che chiamano inusuale nella mia famiglia. Crescendo, ho sempre preferito i giochi dei ragazzi. Le bambole non erano per me, e l'esasperazione dei miei genitori era continua. L'ho usata per tirare la testa fuori."
―Maria parla della sua infanzia

Maria nacque a Leicester, in Inghilterra, nel 1161.[1] Durante la sua giovinezza, Maria non si comportava come le altre donne, preferiva invece essere un maschiaccio. A causa di questo, era spesso tormentata dai suoi coetanei e punita dai suoi genitori.

Prima della Terza Crociata, fu costretta dai suoi genitori a sposarsi, ma il matrimonio non durò più di un anno, così venne accusata di non essere una buona moglie. La sua vergogna, mista ai suoi sogni d'onore e di gloria, la convinsero a lasciarsi l'Inghilterra alle spalle e ad unirsi ai crociati in Terra Santa. Siccome era raro che alle donne venisse permesso di partecipare alle guerre, ella si travestì da uomo e partecipò alla missione in Terra Santa. Si dimostrò molto promettente, così tanto da attirare l'attenzione dei Templari.

Unione con i Templari

Maria attirò sopratutto l'attenzione del loro capo, Roberto di Sable, che la nominò sua serva. Nonostante non condividesse le credenze del suo maestro, Maria era attratta da Roberto al punto di fare qualsiasi cosa per lui, anche morire.

Dopo poco tempo, Roberto gli regalò un anello come dono. Più avanti, lo custodirà come unico legame rimasto con i Templari.

Impersonificazione di Roberto

"Sento che vi aspettavate qualcun'altro."
―Maria ad Altaïr durante il funerale di Majd Addin[src]

Dopo la morte di otto delle nove vittime di Altaïr, Roberto di Sable, convinto di essere il prossimo, mandò Maria, sotto le sue stesse spoglie, al funerale del Reggente di Gerusalemme, Majd Addin, al quale tutti si aspettavano che partecipasse, sapendo che l'Assassino avrebbe avuto l'occasione di ucciderlo. Come previsto, Altaïr apparve al funerale, ma Maria lo riconobbe e ordinò ai soldati presenti di fermarlo. L'Assassino però uccise tutti i nemici e la sconfisse. Accorgendosi però che si trattava di un sostituto, decise di risparmiarle la vita.

Battaglia al funerale di Majd Addin.jpg

Maria (al centro), aiuta i Templari nella battaglia contro Altaïr.

Maria rivelò ad Altaïr che Roberto era andato ad Arsuf per proporre una tregua tra i Saraceni e gli Eserciti Crociati, per cercare di assediare la sede degli Assassini, Masyaf. Poiché gli otto Templari uccisi da Altaïr provenivano da entrambe le fazioni, gli Assassini potevano diventare il loro nemico comune.

Sebbene Maria pensava che sarebbe stato uno dei Templari a morire faccia a faccia con l'Assassino, Altaïr gli disse di non seguirlo, e di risparmiarsi la vita. In confusione, Maria rispose altezzosamente, dicendo che non aveva bisogno di protezione, e che era inutile cercare di fermare Roberto di Sable.

Viaggio a Cipro

"Bene, ma che sorpresa! L'uomo che mi ha risparmiato la vita ma l'ha privata di valore"
―Maria ad Altaïr nel porto di Acri[src]

Un mese dopo la morte di Al Mualim, il grado di Maria scese notevolmente, le venne affidato il compito di evacuare la flotta templare che partiva da Acri diretta a Cipro, ma le fu sconsigliato di tornare con gli altri, perchè non era ben vista dal nuovo Gran Maestro dell'Ordine dei Templari, Armand Bouchart. Durante l'assalto al porto della città, Maria incontrò di nuovo Altaïr e ingaggiò un altro duello. Sconfitta nuovamente, fu fatta prigioniera dall'Assassino e portata a Cipro con la speranza di usarla come esca per attirare gli altri Templari.

File:Altair sconfigge Maria.jpg

I due viaggiarono verso Limassol, doce si incontrarono con il contatto degli Assassini, Alessandro. Maria fu scortata e tenuta prigioniera in una base della Resistenza ben protetta. In seguito ad un agguato Templari, all'edificio fu appiccato il fuoco, e Maria riuscì a fuggire.

Una volta libera, Maria si affrettò a mettere in guardia il suo nuovo Gran Maestro Bouchart, della presenza di Altaïr a Limassol, ma ad egli crebbe il sospetto sulle sue fughe "miracolose" dagli Assassini. Questo la portò ad essere condannata e rinchiusa in prigione.

Maria fu portata via da due guardie templari, per poi esser salvata da Altaïr. Una volta ristabilitosi, giurò di ucciderlo, ma Altaïr, ragionando con ella, osservò che il modo migliore per riacquistare la fiducia dei Templari non era con la sua testa, ma attraverso il recupero della Mela dell'Eden.

AltaïrMariaNave.jpg

Altaïr e Maria conversano sulla nave diretta a Kyrenia.

Dopo la partenza con la nave diretta a Kyrenia, Altaïr parlò a Maria della filosofia di Empedocle, la quale diceva che "solo una mente libera da ostacoli, è in grado di comprendere la bellezza caotica del mondo". Inizialmente, Maria resistette ai discorsi di Altaïr, ma poco dopo si interessò all'argomento, chiedendo curiosamente all'Assassino se egli era in grado di vedere, o captare, questa "bellezza caotica" intorno a se stesso. Altaïr sostenne che "l'ordine e la pace cercata dai Templari, richiedevano servitù e prigionia", dichiarazione sul quale Maria ironizzò.

Arrivati a Kyrenia, l'Assassino tagliò le corde legate ai polsi di Maria, per permettergli di salire la scala fino al piano superiore. Nel frattempo, due pirati, li stavano spiando da dietro delle casse, e parlando fra di loro riconobbero l'Assassino ricercato. Maria si accorse della situazione, e calciò Altaïr giù dalla scala, costringendolo a combattere con i due pirati, e sfruttando l'occasione per tentare la fuga.

Anche se Maria riuscì a fuggire, venne attaccata da altri membri dell'equipaggio, e seguita fino in città. Fortunatamente, fu portata in salvo da Markos, un membro della Resistenza Cipriota, a cui fu affidata la cura di Maria dallo stesso Altaïr.

Durante le sue indagini, Altaïr si accorse che "Il Toro", aveva pubblicato taglie con una grossa somma di denaro, non solo su di lui, ma anche su Maria. Temendo per la sicurezza di quest'ultima, egli si diresse velocemente al Porto, trovando Markos e Maria in un combattimento contro i Templari. Dopo averli salvati ancora una volta, egli li condusse al rifugio segreto degli Assassini a Kyrenia.

Mentre Altaïr chiedeva ad Alessandro dove poter trovare Moloch, con l'intenzione di assassinarlo, Maria si prese beffe di lui, e, involontariamente, rivelò all'Assassino la posizione del "Toro" nel Castello di Kantara.

Dopo l'uccisione di Moloch, Altaïr fece ritorno al rifugio, dove apprese da Alessandro che Maria era stata portata via da agenti Templari. Maria fu data al figlio di Moloch, Shalim.

Tuttavia, Maria riuscì a fuggire da Shalim, per dirigersi al Castello di Saint Hilarion, con l'intento di infiltrarsi travestita da consorte nascosta in un baldacchino. Al suo arrivo, si confrontò con Shahar nella sua stanza privata, solamente per chiedere a quest'ultimo il piano organizzato dai Templari per recuperare la Mela dell'Eden. Shahar, disse che i Templari, avrebbero raggiunto l'ordine con ogni mezzo, anche attraverso la schiavitù.

Maria, capì tutto, ed intenta ad andarsene, venne afferrata per i polsi da Shahar, quando improvvisamente, fece irruzione Altaïr. Maria uccise i due inseguitori dell'Assassino, ma si rifiutò di combattere ancora al suo fianco, e fuggì.

Maria combatte Bouchart.jpg

Maria combatte contro Bouchart nell'archivio.

Pur rimanendo completamente diffidare dalla giustizia elle sue motivazioni, Maria portò Altaïr, nell'Archivio Segreto dei Templari sotto il Castello di Limassol. Qui, ingaggiò un combattimento contro Bouchart, un guerriero estremamente abile, ed infatti, subito dopo venne scagliata lontano, e cadendo perse conoscenza.

Dopo poco tempo, Bouchart viene sconfitto da Altaïr, e quest'ultimo insieme a Maria, riescono a fuggire dall'Archivio. Fuori, Maria disse all'Assassino che voleva lasciare l'Ordine dei Templari, e tornare in Inghilterra, sua patria, oppure partire verso l'Oriente. Tuttavia, ella seguirà Altaïr di ritorno a Masyaf.

Sistemazione

"Due anni dopo gli eventi descritti sopra, essi si spostarono a Limassol. La cerimonia si svolse lì, come ringraziamento ai Ciprioti che avevano offerto la loro Isola come Base degli Assassini, una roccaforte fondamentale per l'Ordine."
Niccolò Polo racconta il matrimonio di Maria ed Altaïr a suo fratello Maffeo
Altair e Maria.png

Altaïr e Maria poco prima del concepimento di Sef.

Maria si legò sentimentalmente ad Altaïr, poco dopo esser tornati a Masyaf, nel 1193, e si sposarono a Limassol, con Markos che fece l'ospite d'onore. Nel 1195, Maria diede alla luce il primo figlio della coppia, Darim. Due anni dopo, nacque il loro secondo figlio, che chiamarono Sef.

Anche se Maria entrò a far parte dell'Ordine degli Assassini, c'era ancora uno di loro, Abbas Sofian, che segretamente la odiava, considerandola un'estranea ed una donna Inglese, e non accettando la decisione di Altaïr di portarla nell'Ordine, essendo anche un ex membro dei Templari.

Maria ed Altaïr, divennero inseparabili. L'unico periodo di tempo in cui si separarono, fu nel 1204, quando l'Assassino cercò di portare l'Ordine a Costantinopoli.

Viaggio in Mongolia

"Darim, era poco più di un ventenne, ma un abile arciere, fu per questo che Altaïr prese lui e Maria, e partì da Masyaf."
―Niccolò Polo racconta il viaggio in Mongolia a suo fratello Maffeo

Attorno al 1217, Darim, Maria ed Altaïr, iniziarono un viaggio verso Oriente, con l'obiettivo di assassinare Genghis Khan, poichè l'avanzata del suo esercito impediva all'Ordine l'espansione della sua influenza. Altaïr, lasciò Malik Al-Sayf a capo dell'Ordine. Una volta arrivati, i tre si unirono all'Assassino Qulan Gal. Durante un'infiltrazione nel campo Mongolo, Altaïr, avendo perso la sua abilità furtiva invecchiando, tornò ferito da Maria, la quale rimase a prendersi cura di lui.

Con il padre ferito, Darim, aiutato da Qulan Gal, uccise Genghis Khan nel 1227, anno in cui ripartirono per tornare a Masyaf, dove scoprirono una situazione completamente diversa dalla loro partenza.

Tarda vita

Altaïr: Devo distruggere Abbas.
Maria: Ma non a fini di vendetta, amore. Per l'Ordine. Per il bene della Confraternita. Per renderlo grande ancora di più. Se si può fare, e si può fare prevalendo sui tuoi pensieri di vendetta, l'Ordine ti amerà come un padre che mostra loro la vera via. Se ti lasci accecare da rabbia, ed emozione, come ti puoi aspettare che loro ascoltino che ciò che gli hanno insegnato è in realtà il contrario?.
―Altaïr e Maria discutono su come riprendere il controllo dell'Ordine
Un Nuovo Regime 1.png

Maria ed Altaïr dopo il loro ritorno dalla Mongolia.

Maria, Darim ed Altaïr, furono accolti da Swami al loro ritorno, che li informò sulla partenza di Sef verso Alamut, sulla prigionia di Malik, e sul colpo di stato di Abbas Sofian, che ora era a capo dell'Ordine. Darim partì immediatamente per Alamut, intento a recuperare il fratello. Il giorno dopo, Altaïr volle incontrare il Consiglio di Abbas a cui diede una sintesi del suo viaggio in Mongolia, quando quest'ultimo rivelò loro che Malik era stato imprigionato per l'omicidio del loro figlio Sef. Dubitando della storia, Altaïr si infiltrò durante la notte nella prigione di Masyaf, dove liberò Malik, portandolo nella sua residenza.

Maria si prese cura di Malik, che li informò sull'omicidio del loro figlio, dicendo che fu Abbas a decidere il suo assassinio, e che una volta compiuto nascose l'arma del delitto sotto il suo letto. Dopo che Malik si addormentò, Maria ed Altaïr partirono per confrontarsi con Abbas.

Andarono nel cortile per incontrare Abbas, che era in compagnia di Swami ed altri Assassini. Quest'ultimo disse che avrebbero appreso le ragioni della morte del figlio, solo se gli fosse stata consegnata la Mela. Altaïr porse loro la Mela, e mentre Swami tentava di prenderla, rivelò loro che prima di uccidere Sef gli disse che era stato suo padre a ordinare l'omicidio.

Un Nuovo Regime 11.png

Maria muore tra le braccia di Altaïr.

La rabbia di Altaïr fu trasmessa nella Mela, e quando Swami la toccò, inizò ad ucciderlo con un bagliore dorato. Maria urlò ad Altaïr, poichè egli si era lasciato accecare dalla rabbia, scuotendolo impaurita di quello che sarebbe stato capace di fare.

Nell'agitazione seguente, il pugnale di Swami andò a conficcarsi nella schiena di Maria, colpendo un organo vitale, costringendola a morire rapidamente. Mentre stava per morire, Altaïr la prese fra le braccia, sconvolto dalla sua morte e dispiaciuto, per poi fuggire via distrutto e colmo di rabbia.

Caratteristiche e personalità

In giovane età, Maria era una sognatrice, che pensava di lasciare l'Inghilterra, per trovare fama e gloria in Terra Santa. Era molto testarda, rifiutava il fatto di essere una donna, ed insisteva sulla sua voglia di lasciare la patria.

Era molto determinata, cercava di dare sempre di più. Durante il primo incontro con Altaïr, si presentò con il suo semplice stile di comando, prepotenza, e sicurezza.

Dopo gli eventi di Cipro, con l'Assassino, il suo atteggiamento cambiò completamente, da dura e testarda, divenne più aperta e civile. Nel corso del tempo, scelse di schierarsi con gli Assassini, sebbene non ebbe mai preso parte 'attivamente' all'ordine.

Inoltre, ha presentato anche un'atteggiamento provocatorio, quando portò Altaïr nella Torre di Acri, gli fece cenno di baciarla, ed infine fare l'amore con lei.

Curiosità

Galleria

Fonti

Inoltre su Fandom

Wiki a caso