Fandom

Assassin's Creed Wiki

Monteriggioni

2 664pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Discussione0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Eraicon - AC2.pngEraicon - Brotherhood.pngEraicon - Project Legacy.pngEraicon - Initiates.pngEraicon - Rinascimento.pngEraicon - Fratellanza.pngEraicon - Fumetto Francese.png


Monteriggioni è una città italiana, roccaforte di difesa delle genti di Toscana contro l'aggressività fiorentina, costruita nel XII secolo dai signori di Siena. Tra i protagonisti del conflitto vi fu la famiglia Auditore, che governò e protesse la città durante il Rinascimento. Agli Auditore si deve la costruzione delle possenti mura, ancora oggi intatte.

Storia

Medioevo

Il borgo venne probabilmente costruito tra il 1214 e il 1219. Più tardi, nel 1290, l'Assassino Domenico Auditore ristrutturò la villa del borgo, ribattezzandola con il suo cognome. Domenico e suo figlio Renato utilizzarono Monteriggioni come base delle loro operazioni nella loro guerra segreta contro i Templari. Negli anni seguenti Domenico costruì la Cripta Auditore in città. Inoltre nascose un'armatura, appartenuta un tempo ad Altaïr Ibn-La'Ahad, nel Santuario sotto la Villa.

Rinascimento

Nel 1454, Mario Auditore divenne sovrano di Monteriggioni, quando suo fratello Giovanni si trasferì a Firenze. Grazie a Mario la città conobbe un periodo di massimo splendore, tuttavia, la città venne attaccata frequentemente da Firenze, che mandò Monteriggioni in rovina, anche se fu sempre in grado di resistere agli attacchi. Durante questo periodo, Mario scoprì che un uomo di nome Luciano Pezzati stava causando delle faide tra le famiglie cittadine. Dopo essere stato catturato e interrogato, Luciano rivelò che Firenze stava pianificando un attacco su larga scala su Monteriggioni. Le forze fiorentine, guidate da Federico da Montefeltro, un feroce condottiero, attaccarono Monteriggioni, ma Mario riuscì nuovamente a respingerle. Dopo questo successo, Mario continuò ad interrogare Luciano, e scoprì che lo scopo dell'attacco fiorentino era quello di acquisire un antico artefatto nascosto sotto la città. Dopo varie ricerche, Mario scoprì che la Sindone, un potente manufatto, era stata nascosta nelle miniere della città. Una volta recuperata, Mario la affidò al fratello Giovanni, il quale la portò lontando dal borgo, tra le braccia degli Assassini.

Calunnia 3.png

Monteriggioni sotto assedio.

Nel 1476, il nipote di Mario, Ezio Auditore da Firenze, si rifugiò a Monteriggioni, e in seguito finanziò la ricostruzione del borgo, divenendo co-reggente con Mario. Il giovane fiorentino ristrutturò tutte le strutture del borgo e per oltre venti anni Monteriggioni prosperò divenendo un borgo di elevato valore culturale. Nei primi di gennaio del 1500, Cesare Borgia, di ritorno dalla campagna militare in Romagna, assediò Monteriggioni e la danneggiò gravemente. La città, con Mario morto e senza Ezio, che era andato a Roma, venne comunque ricostruita e gli Auditore, dopo quasi una decina d'anni, tornarono a governare la città. Tuttavia, la Villa Auditore non tornò più al suo antico splendore.

Monteriggioni respinse a lungo gli assalti della città di Firenze fino al 1554, quando la città fu tradita. Giovannino Zeli, capo della guarnigione ed esule fiorentino, consegnò le chiavi della città in cambio del permesso di poter ritornare a Firenze.

Stranamente agli Auditore fu permesso di continuare a governare la città sotto l'egida di Firenze, dimostrando così che i Medici non dimenticavano mai gli amici.

Monteriggioni moderna

Desmond: Un momento... Siamo a Villa Auditore?
Lucy: Sì, il nostro ultimo rifugio in Italia.
―Desmond e Lucy[src]
Monteriggioni veduta tempi moderni.png

Monteriggioni nel 2012.

Nel 2012, Desmond Miles, Lucy Stillman, Shaun Hastings e Rebecca Crane, Assassini moderni, arrivarono a Monteriggioni, dopo una fuga dal loro nascondiglio originale. Essi crearono un altro nascondiglio nel Santuario sotto la Villa Auditore. In questo periodo Desmond riviveva i ricordi di Ezio mentre combatteva la Famiglia Borgia a Roma. Qui, gli Assassini localizzano la Mela dell'Eden di Ezio, che è stata alterata da Minerva in qualche modo. Desmond e gli altri arrivano all'interno del comune di Monteriggioni, e, per via delle torri cellulari dell' Abstergo, Desmond e Lucy accedono velocemente tramite dei cunicoli segreti, attraverso i quali Ezio assieme agli abitanti fuggirono, al Santuario. Desmond è stato quindi incaricato di far ricevere energia elettrica alla base temporanea, e, dopo aver connesso quattro centraline elettriche al Santuario, Desmond accede all'Animus 2.0 e scopre la posizione nascosta del Frutto dell'Eden di Ezio.

Monteriggioni veduta panoramica.jpg

Veduta di Monteriggioni

Rinnovamento

Nelle sue avventure, Ezio investì il suo denaro in ristrutturazioni, portando la città al massimo splendore. Ezio decorò la villa con dei dipinti, una raccolta delle sue armi e delle sue armature, e una serie di oggetti raccolti. Le bandiere sono aggiunte anche agli edifici, cambiando dal simbolo degli Auditore al logo degli Assassini quando la villa è completamente rinnovata.

Un elenco di quello che Ezio sarà in grado di migliorare/aggiungere alla Villa:

  • Una banca (che garantirà un grande impulso ai guadagni della Villa) al costo di 1.500 fiorini per la prima ristrutturazione, 5.000 per la seconda e 9.000 per la terza.
  • Un dottore. Anche se la sua bottega è già aperta, Ezio rinnova il suo negozio due volte al costo di 3.000 e 5.000 fiorini.
  • Un sarto. Con 1.000 fiorini Ezio riapre la bottega, e la ristruttura successivamente con 2.500 e 5.000 fiorini.
  • Un fabbro. Come per il medico, la bottega del fabbro è già aperta. È anche possibile rinnovare il negozio altre due volte per 7.000 e 12.000 fiorini.
  • Un Mercante d'Arte. Ezio riaprirà la sua bottega per 1.000 fiorini. 5.000 e 8.000 fiorini sono stati rispettivamente usati per i lavori di ristrutturazione.
  • Una Chiesa al costo di 4.000 fiorini.
  • Il Pozzo al costo di 4.000 fiorini.
  • Aggiungere una Gilda dei Ladri al costo di 3.000 fiorini. I ladri saranno visti più spesso in città.
  • Aggiungere un Bordello al costo di 3.000 fiorini. Le cortigiane saranno viste più spesso in città.
  • Aggiungere una Caserma al costo di 3.000 fiorini. I mercenari saranno visti più spesso in città.
  • Riaprire la Miniera al costo di 4.000 fiorini.

Gameplay

Ogni miglioramento per la città contribuisce a sviluppare l'economia locale, premiando il giocatore con redditi periodici, che possono essere reinvestiti per la città o utilizzati per altro. Rinnovando il borgo di solito aggiunge degli scrigni del tesoro. Ogni volta che ristrutturi un edificio ti verrà rimborsato il 10% degli investimenti ogni 20 minuti. Ad esempio, se rinnovi il pozzo per 4.000 fiorini, il reddito periodico generato dalla città aumenterà di 400 fiorini.

Inoltre, l'eventuale rinnovo delle quattro botteghe permetterà al giocatore di ottenere degli sconti.

C'è una cassaforte all'interno della Villa, nella stessa stanza in cui si decide su lavori di ristrutturazione, in cui verranno messi i soldi guadagnati con gli investimenti. Si riceve un deposito ogni 20 minuti, ma ha un limite su quanto essa può contenere. Se la cassaforte si riempie, i soldi in eccesso verranno tenuti da Claudia. Per questo motivo, si raccomanda di tornare alla Villa periodicamente. La cassa sarà piena dopo 4 depositi (ogni 1 ora e 20 minuti, dando al giocatore 1 ora e 39 minuti per svuotarla).

Curiosità

Assassin's Creed II

  • A Monteriggioni vi sono 8 statuette, raffiguranti gli dei romani. Trovandole e collocandole sul piedistallo, si ottengono 2000 fiorini.
    • Inoltre trovandole tutte si sblocca il trofeo "Creatore di miti".
  • Ristrutturando il Pozzo, la Miniera, e la Chiesa, si sbloccano dei tesori nascosti all'interno delle strutture.
  • Tramite Uplay, si può sbloccare la Cripta degli Auditore, contenente le vere origini della famiglia Auditore.
  • Ristrutturando le strutture e completando le collezioni, Monteriggioni conterà un massimo di 3500 abitanti.
  • Il tunnel e le trappole che attraversò Mario Auditore nel 1454 per recuperare la Sindone, sembrano essere assenti nel momento in cui Ezio arriva a Monteriggioni.
  • Se si ristruttura l'80% di Monteriggioni si sblocca il trofeo "Podestà di Monteriggioni".

Assassin's Creed: Brotherhood

  • Monteriggioni ospita una mappa del multiplayer.
  • Nella sequenza 1, l'entrata della Cripta degli Auditore è assente. È tuttavia presente nella Monteriggioni moderna.
  • Nella Monteriggioni moderna, con l'Occhio dell'aquila è possibile notare delle impronte che, dalla fontana sotto al simbolo degli Assassini conduce allo studio di Mario. Le impronte non sono visibili dopo aver completato la Sequenza 6.
  • A fianco della villa nella moderna Monteriggioni, vi si trova un cartello con su scritto la data di fondazione e di danneggiamento di essa. Tuttavia, vi è un errore: essa è stata danneggiata nella campagna militare di papa Alessandro VI e non di Papa Alessandro IV.
  • Se, con Ezio, si entra nello studio di Mario alla villa, e si guarda la parete del Codice con l'occhio dell'aquila, la mappa del mondo non è visibile, a differenza di Assassin's Creed II.
  • In seguito al ritorno dalla battaglia a Roma, Ezio non può comprare nulla dalle varie botteghe.
  • Durante l'ultimo ricordo della Sequenza 1, si può notare che la torre di guardia centrale nelle mura è ancora in piedi, e che, dietro le macerie, la bottega del fabbro è aperta, con l'uomo al suo interno.
  • Nella bottega del mercante d'arte e del dottore non vi è nessuno.
  • Dopo che Ezio è ritornato a Monteriggioni nel 1500, sembra che la città conti al massimo 500 abitanti, contro i 3500 che aveva in precedenza.
  • Nella Monteriggioni moderna, si può notare che al posto delle vecchie botteghe del sarto, del Mercante d'arte e del dottore, sono presenti un negozio di informazioni turistiche, un panificio e una trattoria (chiamata "trattoria da Claudia"), inoltre vi sono anche un bar chiamato "Caffe degli Auditore", un hotel di nome "Le Torri" e la banca.
  • Da quando Ezio va a Roma a quando torna in città, contando i giorni che impiega a tornare, si presuppone sia stato via circa otto giorni, ed è molto strano che in questo breve lasso di tempo si sia riusciti a costruire un'altra parte di mura dove mettere i cannoni, modificare la parte di legno sulla torre centrale e fare altri cambiamenti nella città.

Inoltre su Fandom

Wiki a caso