Fandom

Assassin's Creed Wiki

Pene d'amor perdute

2 664pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Discussione0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Eraicon - Brotherhood.png

Pene d'amor perdute è la rappresentazione virtuale di una delle memorie genetiche di Ezio Auditore da Firenze, rivissuta da Desmond Miles nel 2012 attraverso l'Animus.

Descrizione

Ezio Auditore da Firenze, tornato a Firenze negli anni dei Falò delle Vanità, nel 1498 si imbatte in Manfredo Soderini, morente a terra nei pressi della casa dove è andato a vivere con Cristina Vespucci. L'uomo, con le sue ultime parole, rivela ad Ezio che gli uomini di Girolamo Savonarola si erano introdotti in casa loro per ucciderli e che Cristina, sebbene fosse riuscita a fuggire, era inseguita da alcune guardie. Ezio allora si lancia al salvataggio di Cristina e, dopo averla trovata, riesce ad eliminare le guardie che la stavano inseguendo. Tuttavia, Cristina è già stata ferita ed è prossima alla morte. Rassegnata al suo destino, la ragazza mostra ad Ezio il ciondolo che lui le aveva regalato più di venti anni prima, confessandogli di non averlo mai dimenticato e sempre amato.

Dialoghi

Ezio Auditore da Firenze trova Manfredo Soderini morente a terra in una strada di Firenze.

Pene d'amor perdute 1.png

Ezio soccorre un morente Manfredo.

  • Ezio: Manfredo! Che è successo!?
  • Manfredo: Gli uomini... di Savonarola. Sono entrati. Hanno distrutto tutto.
  • Ezio: Dov'è Cristina?! Manfredo! Lei dov'è?!
  • Manfredo: È fuggita... Ma la inseguivano!
  • Ezio: No...!

Ezio trova Cristina, accerchiata da alcuni uomini fedeli a Girolamo Savonarola.

  • Guardia 1: Puttana! Dove sono le tue ricchezze ora?
  • Cristina: Lasciatemi in pace! Andate via! Non ho fatto niente!
  • Guardia 2: La tua bella casa, i tuoi abiti costosi! Sono cose che offendono il Signore!
  • Cristina: Aiuto! Qualcuno mi aiuti!

Ezio raggiunge Cristina.

  • Cristina: Ezio-?!
  • Ezio: Cristina! Scappa!

Cristina inizia a scappare, ma i suoi aggressori la inseguono. Ezio allora si lancia all'inseguimento degli uomini fedeli a Savonarola, che uccide velocemente.
Nonostante ciò, Cristina è stata ferita a morte; così Ezio la porta in braccio in un cortile riparato.

  • Cristina: (Tossisce)
  • Ezio: Cristina... Resisti! Ti troverò un dottore... Starai bene, vedrai.
  • Cristina: No... Ezio... Non credo proprio...

Ezio appoggia Cristina a terra e, chino su di lei, le tiene la testa alzata.

Pene D'Amor Perdute 3.png

Cristina muore tra le braccia di Ezio.

  • Ezio: No! Non andare... Resta con me, Cristina.
  • Cristina: Ezio... Non lo sai...? Io sono sempre stata con te.

Ezio nota al collo di Cristina il ciondolo che lui le aveva donato più di venti anni prima.

  • Cristina: Vorrei tanto che... avessimo avuto... una seconda occasione.

Cristina muore tra le braccia di Ezio.

  • Ezio: Riposa in pace, amore mio.

Ezio accarezza la testa dell'amata.

Risultato

Ezio riesce a salvare Cristina dagli uomini di Savonarola. Tuttavia, ormai ferita a morte, la ragazza muore tra le sue braccia.

Curiosità

  • Il nome del ricordo, Pene D'Amor Perdute, è una citazione di una omonima commedia scritta da William Shakespeare.

Inoltre su Fandom

Wiki a caso