Fandom

Assassin's Creed Wiki

Uccellino in gabbia

2 664pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Discussione0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Eraicon - AC2.png

Uccellino in gabbia è la rappresentazione virtuale di una delle memorie genetiche di Ezio Auditore da Firenze, rivissuta da Desmond Miles nel 2012 attraverso l'Animus.

Descrizione

Ezio Auditore da Firenze, confuso perché non capisce quali rapporti può aver il padre con le persone che ha appena incontrato per suo conto, torna a Palazzo Auditore. Una volta lì scopre che il padre e i suoi fratelli sono stati arrestati e rinchiusi a Palazzo della Signoria. Ezio allora decide di raggiungere il Palazzo per trovare i suoi familiari.

Dialoghi

Ezio Auditore da Firenze entra a Palazzo Auditore, che trova stranamente deserto.

  • Ezio: Padre? Federico?

Ezio, preoccupato per il fatto che nessuno risponde ai suoi richiami, si volta e schiva appena in tempo un vaso lanciato contro di lui da Annetta, che non lo aveva riconosciuto.

  • Annetta: Oh! Ser Ezio! Grazie a Dio!
  • Ezio: Che è successo? Dove sono tutti?
  • Annetta: Hanno portato vostro padre e i vostri fratelli a Palazzo della Signoria, in prigione!
  • Ezio: E mia madre? Mia sorella?

Claudia e Maria escono dai loro nascondigli.

Uccellino In Gabbia 3.png

Ezio parla con Annetta e la sorella.

  • Claudia: Ezio...
  • Ezio: (Andando verso la sorella) Claudia!

Ezio e Claudia si abbracciano.

  • Ezio: Stai bene?
  • Claudia: (Guardando la madre) Sì. Ma nostra madre...
  • Annetta: (Intervenendo nel discorso) È sconvolta. Ha... opposto resistenza. E loro...
  • Ezio: (Ad Annetta) Qui sono in pericolo. Puoi portarle da qualche parte?
  • Annetta: Si. Si! Da mia sorella.
  • Ezio: Bene. D'accordo. Intanto andrò a trovare mio padre.
  • Annetta: State attento, Messer Ezio. Le guardie cercavano anche voi.

Ezio raggiunge Palazzo della Signoria e si arrampica sulla torre per parlare col padre dalla finestra della cella dove è stato rinchiuso.

Uccellino In Gabbia 5.png

Ezio parla con il padre.

  • Giovanni: Ezio!
  • Ezio: Padre! Che è accaduto?
  • Giovanni: Qualche percossa, ma sto bene. Che ne è di tua madre e di tua sorella?
  • Ezio: Sono al sicuro.
  • Giovanni: Ci ha pensato Annetta?
  • Ezio: Si... Ma... ve l'aspettavate?!
  • Giovanni: Non in questo modo e non così presto. Ma ora questo non conta.
  • Ezio: Che volete dire? Spiegatevi!
  • Giovanni: Non c'è tempo. Ascolta bene. Torna a casa. Nel mio studio c'è una porta segreta. Usa il tuo fiuto per scoprirla. Lì troverai una cassa. Prendi tutto ciò che contiene. Molte cose ti parranno strane, ma hanno tutte grande importanza. Hai capito bene?
  • Ezio: Si.
  • Giovanni: Bene. Tra queste c'è una lettera, assieme ad alcuni documenti. Ho bisogno che tu porti quelle carte a messer Uberto. Era con me nel mio studio stamane.
  • Ezio: Il Gonfaloniere. Me ne ricordo. Ora, vi prego, ditemi che accade. È opera dei Pazzi tutto questo? C'era un messaggio per voi alla colombaia. Diceva-

I due sono interrotti dal rumore di una cella che si apre.

  • Giovanni: Va', Ezio! Presto!

Ezio lascia il padre e i fratelli a Palazzo della Signoria e fa ritorno a Palazzo Auditore.

Risultato

Ezio parla col padre attraverso la finestra della cella e poi torna a Palazzo Auditore per seguire le sue istruzioni.

Galleria

Fonti

Inoltre su Fandom

Wiki a caso