Fandom

Assassin's Creed Wiki

Un caldo benvenuto (Revelations)

2 664pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Discussione0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Eraicon - Revelations.png

Questo è l'articolo inerente al ricordo di Assassin's Creed: Revelations. Potresti aver cercato l'omonimo ricordo di Assassin's Creed II.

Un caldo benvenuto è la rappresentazione virtuale di una delle memorie genetiche di Ezio Auditore da Firenze, rivissuta da Desmond Miles nel 2012 attraverso l'Animus.

Descrizione

Dopo aver recuperato il diario dei fratelli Polo da Leandros, Ezio Auditore da Firenze si imbarca su una nave e, nel maggio del 1511, raggiunge Costantinopoli. Ad accoglierlo trova il capo della Gilda locale degli Assassini, Yusuf Tazim, che, dopo essersi presentato, accompagna il nuovo arrivato al covo degli Assassini in città. Nonostante i due vengano attaccati da alcune guardie Bizantine durante il percorso, riescono a sconfiggerle dopo un breve scontro e a raggiungere infine il covo.

Dialoghi

Mentre la nave su cui si trova sta approdando a Costantinopoli, Ezio Auditore da Firenze si presenta a un giovane studente che, a sua insaputa, è il principe Solimano.

  • Ezio: Una veduta magnifica.
  • Solimano: È un lavoro in corso d'opera.
  • Ezio: Nessuna città d'Europa può vantare un profilo simile.
Un caldo benvenuto ACR 2.png

Ezio e Solimano osservano la città di Costantinopoli dalla nave.

  • Solimano: (Indicando parti della città) Ebbene, per essere precisi, quella è l'Europa. Quella è l'Asia.
  • Ezio: Mh, ci sono confini che neanche gli Ottomani possono spostare.
  • Solimano: Assai pochi. Il vostro accento è italiano, ma non i vostri abiti. Siete in viaggio da tempo?
  • Ezio: Sì, da molto tempo. Ho lasciato Roma dodici mesi fa, in cerca di... ispirazione. E quella ricerca mi ha condotto qui. Quando ero fanciullo, mio padre mi narrava storie sulla caduta di Costantinopoli.
  • Solimano: Intendete dire la conquista di Kostantiniyye. Suppongo che la morale di qualunque storia si adatti all'indole del narratore.
  • Ezio: Sì, ne convengo.
  • Solimano: Bene. Kostantiniyye è un crogiolo di ogni sorta di razze e credi: studenti, come me, o... viaggiatori, come voi.

Ezio annuisce e, in quel momento, la nave approda a Costantinopoli.

  • Solimano: Ho tanto di quel lavoro da fare, ma è bello essere a casa.
Un caldo benvenuto ACR 4.png

Ezio osserva la donna.

  • Ezio: Lavoro? Quando avevo la vostra età i miei interessi erano... (Ezio vede una donna) perlopiù... (Alla donna) Salve.
  • Solimano: Incredibile. Sono sorpreso che abbiate combinato qualcosa.
  • Ezio: Anche mia madre.
  • Solimano: È stato un piacere parlare con voi, efendi. Spero che qui troverete qualcosa di vostro interesse.
  • Ezio: Confido di sì.

Alla donna, che sta scendendo dalla nave dietro i due uomini, cade uno dei pacchi che sta portando con sé e Solimano si offre di aiutarla.

  • Solimano: Posso esservi di aiuto, mia signora?
  • Sofia: Grazie, buon giovane.
  • Ezio: Istruito e galante, siete una sorpresa continua.
  • Solimano: Assai poche, amico mio. Che Dio vi benedica.

Ezio annuisce e ricambia il saluto con lo sguardo. In quel momento arriva Yusuf Tazim che si presenta a Ezio.

Un caldo benvenuto ACR 6.png

Yusuf Tazim si presenta ad Ezio.

  • Yusuf: Benvenuto, fratello. A meno che la leggenda non menta, tu sei l'uomo che non vedo l'ora di conoscere. Il celebre Maestro e Mentore, Ezio Auditore de la la la.
  • Ezio: Prego?
  • Yusuf: Mh, scusami. Faccio fatica a rammentare quell'incomprensibile italiano.
  • Ezio: Da Firenze, la città in cui sono nato.
  • Yusuf: Ah, si. Quindi, secondo le vostre usanze, io sarei... Yusuf Tazim da Istanbul. Mi piace.
  • Ezio: Istanbul? Un altro nome per questa città?
  • Yusuf: Evet, il preferito dai locali. Vieni, Mentore da Firenze. Facciamoci un giro.

Yusuf accompagna Ezio in giro per la città.

  • Yusuf: Benvenuto nel distretto di Galata. Per molti secoli ha accolto gli orfani proveniente dall'Europa e dall'Asia. Non troverai varietà maggiore in alcuna altra parte della città. Per questo gli Assassini ne hanno fatto la loro dimora.
  • Ezio: Mi piacerebbe vedere dove.
  • Yusuf: Assolutamente. La Confraternita è sempre ansiosa di conoscere l'uomo che ha messo a tacere i Borgia.
  • Ezio: Mh. C'è qualcuno in città che non sa che sono qui?
  • Yusuf: Beh, la tua scaramuccia con i Templari in terra santa non è passata inosservata.
  • Ezio: Quando mi sono messo in viaggio, la violenza era l'ultimo dei miei pensieri. Cercavo la saggezza, il sapere della biblioteca di Altair.
  • Yusuf: (Risata) E non hai pensato che era rimasta sigillata per tre secoli?
  • Ezio: No, lo immaginavo. Ma non mi sarei mai aspettato che fosse sorvegliata dai Templari.
  • Yusuf: Inquietante, nevvero? Cinque anni fa, l'influenza dei Templari qui era minima. Una piccola fazione che sognava di rimettere i Bizantini sul trono. Ma sono aumentati, giorno dopo giorno. E, con l'assenza del sultano Bayezid, potrebbero tentare un colpo di mano.
  • Ezio: Non c'è un erede al trono Ottomano?
  • Yusuf: Non solo uno, due fratelli in lotta. Succede sempre in queste famiglie reali. Quando il sultano tossisce (Tossisce) i principi sguainano la spada.
  • Ezio: Fra Templari e Ottomani, immagino avrete parecchio da fare.
  • Yusuf: Ezio, ho a malapena il tempo di lucidare la lama.
Un caldo benvenuto ACR 8.png

Un archibugiere Bizantino mira a Yusuf ed Ezio.

Mentre Yusuf ed Ezio stanno camminando in un vicolo, una guardia bizantina, armata di fucile, spara nella direzione dei due uomini da un tetto vicino. Yusuf elimina la guardia con un pugnale a lancio ma, in fondo al vicolo, ci sono delle guardie pronte ad affrontarli.

  • Yusuf: Lasciamene qualcuno, eh?
    Quello me lo devo ricordare.

Dopo aver ucciso le prime tre guardie i due avanzano lungo la strada ma trovano, poco distante, pronti a combattere, altri soldati Bizantini.

  • Yusuf: Altri Templari. Sta' pronto.

Ezio sta per lanciarsi all'attacco dei Templari ma Yusuf lo trattiene.

  • Yusuf: No, no. Guarda.

Un gruppo di guardie ottomane interviene e si lancia contro i soldati Bizantini.

Un caldo benvenuto ACR 10.png

I soldati Ottomani vengono attaccati dai soldati Bizantini.

  • Guardia ottomana: Bisanzio è morta, quanto te.
  • Yusuf: L'intera città si desta per porgerti il benvenuto. Prima i reggenti, e ora i ratti. I soldati Ottomani ce l'hanno a morte con quei briganti Bizantini. Questo ci dà un po' di tempo.
  • Ezio: Quanto tempo?
  • Yusuf: Eh, pochissimo. Ti uccidono se solo li guardi storto. Anche se poi se ne pentono.
  • Ezio: Commovente.
  • Yusuf: Non è poi così male in realtà. Per la prima volta da decenni, gli Assassini possono vantare una forte presenza qui. Non è sempre stato così. Sotto l'Imperatore Bizantino, gli Assassini venivano perseguitati e uccisi sul posto.
    Ci siamo quasi.
    Di qua.

Ezio e Yusuf raggiungono il covo degli Assassini.

Risultato

Ezio conosce e diventa amico di Yusuf Tazim e della Gilda degli Assassini di Costantinopoli.

Curiosità

  • Yusuf si presenta ad Ezio come "Yusuf Tazim da Istanbul", benché egli sia nato a Bursa.
  • Se si ripete la missione, Ezio ha la Lama Uncinata, ma non la può utilizzare.

Galleria

Inoltre su Fandom

Wiki a caso