Fandom

Assassin's Creed Wiki

Un uomo scontroso

2 664pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Discussione0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Eraicon - AC3.png

Un uomo scontroso è la rappresentazione virtuale di una delle memorie genetiche di Ratonhnhaké:ton, rivissuta da Desmond Miles nel 2012 attraverso l'Animus.

Descrizione

Ratonhnhaké:ton, dopo aver visto uno "spirito" e parlato con la Grande Madre, parte alla ricerca di Achille Davenport, che secondo la Grande Madre è collegato al simbolo che ha mostrato lo spirito. Dopo essere giunto nella tenuta di Davenport, cerca di attirare l'attenzione dell'uomo, ma viene respinto. Il giovane non rinuncia e, quando una sera la tenuta viene attaccata dai briganti, li uccide. Ciò lo aiuta a conquistare la fiducia di Achille, che decide di ascoltarlo ed infine di addestrarlo.

Dialoghi

Ratonhnhaké:ton parte dal villaggio verso la tenuta di Davenport, riesce a raggiungere la tenuta.

  • Ratonhnhaké:ton: (Tra sé) Lasciare il villaggio è stato molto difficile. Credevo che il viaggio mi avrebbe riempito di una sorta di orgoglio. Un senso di realizzazione. Invece l'urgenza che mi ha spinto a partire è presto svanita, lasciando il campo a tanti dubbi. Se fossi stato avventato? Se avessi commesso un errore? Gli altri al villaggio pensavano che fosse un mio desiderio. Una mia decisione. Ma io non l'ho mai pensata così. No, non è stata una scelta. È stato un obbligo. Perché se non io, chi altri?

Una volta in vicinanza della tenuta, Ratonhnhaké:ton viene superato da una uomo in sella ad un cavallo inseguito da due banditi.

  • Achille: (A Ratonhnhaké:ton) Levati di mezzo.
  • Brigante: (Al compagno) Addosso.

Ratonhnhaké:ton raggiunge la tenuta. Mentre si dirige verso la casa di Achille viene fermato da due taglialegna, Godfrey e Terry.

Un Uomo Scontroso 2.png

Ratonhnhaké:ton con Godrey e Terry.

  • Terry: Salve.
  • Godfrey: Salve.
  • Terry: Tu devi essere uno di quegli indiani. Della ehm... Come si chiama... Tribù irochese? Già. Sei dei loro?
  • Godfrey: Certo che no, Terry. Non sono una tribù.
  • Terry: Ma sì.
  • Godfrey: Ma no! Gli irochesi cono una confederazione.
  • Terry: Confedera-cosa?
  • Godfrey: Confederazione, tonto. È un gruppo. Un'alleanza. Tante genti diverse tutte unite insieme.
  • Terry: Già. Come dicevo. Una tribù.
  • Godfrey: Senti, testa di rapa senza cervello, c'è differenza tra un tribù e una confederazione e non è mica colpa mia se sei troppo stupido per arrivarci.
  • Terry: Chi hai chiamato testa di rapa, brutto cane rognoso?

I due cominciano a combattere sotto gli occhi dell'indiano.

  • Terry: Ehi, ehi! È una faccenda tra lui e me.
  • Godfrey: Già! Fatti i fatti tuoi!

Ratonhnhaké:ton si allontana proseguendo il suo cammino. Non appena raggiunge la casa di Achille, bussa alla porta, a cui apre un uomo anziano.

Un Uomo Scontroso 3.png

Ratonhnhaké:ton al primo incontro con Achille.

  • Achille: Che c'è?
  • Ratonhnhaké:ton: Uh... Io... Vorrei farmi addestrare da-
  • Achille: (Chiudendo la porta) No.

Ratonhnhaké:ton bussa di nuovo.

  • Achille: (Dalla porta chiusa) Vattene via!
  • Ratonhnhaké:ton: Io non me ne vado!

Ratonhnhaké:ton raggiunge la stalla della tenuta, in cui intende riposare.

  • Ratonhnhaké:ton: Mi devo accampare. Qui andrà bene.

Il giorno dopo, Ratonhnhaké:ton fa un'altro tentativo per convincere l'uomo ad addestrarlo.

  • Ratonhnhaké:ton: Ci sarà un altro modo di entrare...

Ratonhnhaké:ton bussa alla porta secondaria dell'abitazione.

  • Ratonhnhaké:ton: Ti prego, ti chiedo solo di ascoltarmi un attimo...
  • Achille: Chiedo scusa se non sono stato chiaro, o se le mie parole possono averti confuso. Io non voglio che tu mi fraintenda, quindi te lo ripeto. (Urlando) Vattene dalla mia terra!

Ratonhnhaké:ton decide di tentare di entrare in casa dal balcone.

  • Ratonhnhaké:ton: Sto arrivando.

Ratonhnhaké:ton cerca di forzare la porta sul balcone.

  • Ratonhnhaké:ton: Stammi a sentire. Di cosa hai paura?

Achille apre la porta ed esce sul balcone.

Un Uomo Scontroso 5.png

Achille mette Ratonhnhaké:ton a terra.

  • Achille: Paura? Credi che io abbia paura e per giunta di una piccola canaglia come te?!

Achille fa cadere Ratonhnhaké:ton con il proprio bastone.

  • Achille: Oh, tu vuoi diventare un eroe. Aiutare i deboli e salvare il mondo. Ma in questo modo andrai incontro soltanto alla morte!

Achille fa per rientrare in casa.

  • Achille: Il mondo va avanti, sai. Fallo anche tu.

Achille rientra in casa.

  • Ratonhnhaké:ton: Io non me ne vado! Hai capito? Non me ne andrò mai! Aspetta e vedrai
    (Tra sé) Io non mi arrendo mai. Tu mi addestrerai. Devi farlo.

Ratonhnhaké:ton fa ritorno alla stalla, dove passerà un'altra notte.
Durante la notte, Ratonhnhaké:ton sente dei ladri parlare davanti alla stalla.

  • Ladro 1: È solo un vecchio. Sarà facile.
  • Ladro 2: L'hai detto anche l'ultima volta e ho rimediato un cavallo morto e un occhio nero.
  • Ratonhnhaké:ton: Voi chi siete?
  • Ladro 1: Mi sa che questi non sono affari tuoi, ragazzino.
  • Ladro 2: È meglio che sparisci o finirà davvero male.
  • Ratonhnhaké:ton: No.
  • Ladro 2: Noi ti avevamo avvisato.

Ratonhnhaké:ton ingaggia uno scontro con i briganti. Dopo averli uccisi quasi tutti, interroga l'unico sopravvissuto.

  • Ratonhnhaké:ton: Che ci fate qui? Che cosa volete?
  • Ladro 1: Dovresti chiederlo al capo.

Il capo colpisce il giovane alla schiena con una mazza.

Un Uomo Scontroso 8.png

Ratonhnhaké:ton interrogato dai briganti.

  • Capo dei ladri: Tu lavori per il vecchio? Vero?

Achille, che ha raggiunto gli uomini senza farsi notare, uccide il ladro rimasto in vita.

  • Capo dei ladri:' Forse adesso canterai.

Achille uccide il capo prima che possa nuocere al ragazzo. Dopodiché, lo aiuta ad alzarsi.

  • Ratonhnhaké:ton: Grazie.
  • Achille: Pulisci tutto. Poi, io e te parleremo un po'.

Ratonhnhaké:ton si dirige verso la casa di Achille ed entra.
Ratonhnhaké:ton fa per sedersi su una sedia, che rompe.

  • Ratonhnhaké:ton: Scusa.
  • Achille: Non è colpa tua. Questo posto cade a pezzi. È un miracolo che sia ancor in piedi. Comunque, tu chi sei?
  • Ratonhnhaké:ton: Mi chiamo Ratonhnhaké:ton.
  • Achille: Già. Beh, non ci provo nemmeno a pronunciarlo. Ora dimmi perché sei qui.

Ratonhnhaké:ton mostra ad Achille la mappa in suo possesso.

Un Uomo Scontroso 10.png

Ratonhnhaké:ton mostra ad Achille il simbolo mostratogli dallo spirito.

  • Ratonhnhaké:ton: Mi hanno detto di cercare questo simbolo.
  • Achille: Ma hai una vaga idea di cosa rappresenta? O di cosa stai chiedendo?
  • Ratonhnhaké:ton: No.
  • Achille: Eppure eccoti qui.
  • Ratonhnhaké:ton: Lo spirito dice che... Che io...
  • Achille: Questi vostri "spiriti" perseguitano gli Assassini da secoli. Da quando Ezio ha aperto il vaso... Ah, ma tu non sai nemmeno cos'è un Assassino, vero? Ma mettiti comodo. Ho una storia da raccontarti e temo che ci vorrà un bel po' di tempo...

Achille racconta a Ratonhnhaké:ton la storia degli Assassini.

  • Achille: ..ed ecco perché gli Assassini si sono impegnati a sconfiggere i Templari. Perché se loro trionfassero, le visioni del tuo spirito diverrebbero realtà.
  • Ratonhnhaké:ton: Allora li fermerò.
  • Achille: Oh, so già che ci proverai. Vieni. Devo mostrarti qualcosa.

Ratonhnhaké:ton segue Achille.

  • Achille: Stai attento. Dicevo sul serio, questo posto cade davvero a pezzi.
  • Ratonhnhaké:ton: Come mai non lo sistemi?
  • Achille: A che scopo? E poi non ho i materiali per farlo.
  • Ratonhnhaké:ton: Basta comprarli.
  • Achille: (Risata) Guardami! Credi che io possa entrare in un negozio, con un borsello colmo, a fare spese?
  • Ratonhnhaké:ton: Sì. Perché no?
  • Achille: Beata ingenuità...

Achille apre la porta della cantina utilizzando un meccanismo nascosto nel muro.

  • Achille: Di qua.

Nella cantina Ratonhnhaké:ton vede le vecchie vesti da Assassino di Achille e vi si avvicina incuriosita.

  • Achille: Non credere che basti entrare qui e vestirti così per diventare un Assassino.
  • Ratonhnhaké:ton: No. Io... Io non... Non pensavo certo...
  • Achille: Non temere. Lo so che hanno un certo fascino. E va bene. Ti addestrerò. Così sapremo se hai le doti per vestire quegli abiti...
  • Ratonhnhaké:ton: Grazie... Ehm...
  • Achille: Il mio nome è Achille. Andiamo, su. C'è molto da fare.

Achille mostra a Ratonhnhaké:ton alcuni dipinti raffiguranti i più importanti Templari presenti nelle colonie. Osservandoli, il ragazzo riporta alla mente le parole che Charles Lee gli aveva detto anni prima.

Un Uomo Scontroso 13.png

Achille mostra a Ratonhnhaké:ton i Templari delle colonie.

  • Charles: Non sei che feccia. Una nullità. Tu e tutta la tua gente. Vivete nel fango come bestie. Senza sapere cos'è la vera civiltà...

Ratonhnhaké:ton abbandona i ricordi e si rivolge ad Achille.

  • Ratonhnhaké:ton: Che cosa vogliono i Templari?
  • Achille: Ciò che hanno sempre voluto: il controllo. Vedono un'opportunità nelle colonie. La possibilità di un nuovo inizio, lontano dal caos del passato. Per questo aiutano gli inglesi. Qui hanno la possibilità di dimostrare la validità del loro credo: un popolo al servizio dei principi di ordine e controllo.
  • Ratonhnhaké:ton: Ho visto cosa succederebbe se ci riuscissero. Devono morire, è così? Tutti quanti. Anche mio padre.
  • Achille: Sopratutto tuo padre. È lui che tira le fila dell'intero piano.

I due lasciano la cantina.

Risultato

Ratonhnhaké:ton convince Achille ad ascoltarlo, e infine ad addestrarlo.

Galleria

Fonti

Inoltre su Fandom

Wiki a caso